Strumenti per rilevare il passaggio con il semaforo rosso

Aggiornato il: 06/06/2022

EnVes RED III

L'apparato EnVes RED III è debitamente approvato dal Ministero dei Trasporti con Decreto Dirigenziale n° 31593 del 09/04/2008 e serve per catturare le immagini di veicoli che passano con il semaforo rosso

È un sistema digitale di documentazione fotografica delle infrazioni, commesse ad intersezioni regolate da semaforo, in modalità automatica.

Tale dispositivo consente l’individuazione delle violazioni commesse, l’acquisizione delle immagini relative al transito dei veicoli con il semaforo rosso, tale da documentare inequivocabilmente l’infrazione, nonché la verifica dei dati associati, prevedendo l’utilizzo di immagini digitalizzate del veicolo che ha commesso la violazione. Tali immagini, attraverso appositi sistemi di trattamento delle informazioni, garantiscono l’attendibilità dell'accertamento effettuato, e consentono l’eventuale successiva verifica dell’infrazione al proprietario del veicolo.

Il sistema ha le seguenti caratteristiche:

  • è completamente digitale ed attraverso un collegamento telematico consente agli operatori di poter acquisire direttamente le foto dell’infrazione;
  • è privo di elementi potenzialmente di disturbo per i cittadini: i sensori di individuazione dei transiti sono passivi e non sono soggetti ad interventi di manutenzione, gli apparati sono privi di dispositivi flash;
  • è in grado di documentare chiaramente tutta la dinamica dell’infrazione, con sequenze fotografiche e filmati riportando sia gli avvenimenti precedenti che quelli successivi all’infrazione;
  • opera efficacemente in ogni condizione ambientale, anche notturna;
  • è un sistema “autoregolamentato”, che consente di escludere la comminazione di indebite sanzioni al verificarsi di condizioni scriminanti per l’automobilista.


Il sistema, attivo solo quando il semaforo segnala luce rossa, individua il veicolo da sanzionare quando questo passa sulle spire elettromagnetiche collocate sotto il manto stradale ed opera nel seguente modo:

  • acquisisce le immagini analizzando la sola porzione che inquadra il semaforo. Quando si accende la lanterna semaforica rossa i sensori sotto l’asfalto si pongono in ascolto in modo da poter individuare gli istanti in cui si verifica l’attraversamento di veicoli con il rosso;
  • di tutte le immagini acquisite vengono conservate quelle relative all’attraversamento ed un numero di immagini successive e/o precedenti prestabilite e configurabili. Su richiesta la documentazione dell’infrazione può avvenire anche attraverso un filmato;
  • su ciascun fotogramma vengono riportate la data e l’ora, l’indicazione dell’incrocio e l’intervallo di tempo trascorso rispetto all’accensione del rosso, l’inquadratura è tale da consentire la visibilità sulle immagini anche della lanterna semaforica rossa accesa;
  • le immagini relative a ciascuna violazione, archiviate temporaneamente sul calcolatore locale, vengono periodicamente inviate al server centrale.


Sul server vengono espletate tutte le attività di verifica/accertamento delle infrazioni consentendo agli operatori della polizia municipale di svolgere i loro compiti nel pieno rispetto delle previsioni di legge.

Autostop HD

L'apparato Autostop HD in modalità rosso semaforico è debitamente approvato dal Ministero dei Trasporti e serve per catturare le immagini e filmati di veicoli che passano con il semaforo rosso. 

Il sistema, attivo solo quando il semaforo segnala luce rossa, individua il veicolo da sanzionare quando questo passa sulle spire elettromagnetiche collocate sotto il manto stradale.

Il sistema è in grado di controllare incroci fino a tre tempi di rosso diversi.

Nel caso di "passaggio col rosso", se un veicolo oltrepassa la linea d'arresto, in presenza della fase di rosso, vengono acquisite due immagini digitali ad alta risoluzione (fino a 18 megapixel):

  1. la prima istantaneamente; 
  2. la seconda quando il veicolo si trova nei pressi del centro dell'incrocio.

L'inquadratura della fotocamera e la tecnologia avanzata assicurano, di giorno come di notte, la visibilità nella stessa immagine di:

  • accensione della luce rossa; 
  • tipo e marca del veicolo, chiaramente riconoscibili; 
  • numero di targa. 

In questo modo, le foto scattate mostrano, inequivocabilmente, sia il tipo, la marca e la targa del veicolo, che la sequenza del passaggio di questo con il semaforo rosso.

Il sistema è montato su appositi pali di sostegno di 108 millimetri di diametro ad un'altezza di 3 metri circa e contiene un dispositivo di segnalazione automatica di possibili situazioni collegabili a comportamenti vandalici, grazie alla sofisticata sensoristica posta nella centralina e nella sezione di ripresa.

Il sistema risulta omologato ed opera anche per la rilevazione del superamento del limite (striscia d'arresto) prima del quale il conducente ha l'obbligo di arrestare il veicolo per rispettare le prescrizioni semaforiche (violazione ex art. 146 comma 2 del C.d.S).

La centralina contiene tutti gli apparati di sezionamento elettrico, protezioni ed apparato di comunicazione.

EnVES EVO MVD

ll sistema EnVES EVO MVD, debitamente approvato dal Ministero dei Trasporti  e sottoposto annualmente a controllo, come previsto, può essere pure utilizzato per la rilevazione delle infrazioni di passaggio con il rosso.

Il sistema EnVES EVO MVD consente l’individuazione delle violazioni commesse, l’acquisizione delle immagini relative al transito in infrazione tale da documentare inequivocabilmente l’infrazione, nonché permette la verifica dei dati associati prevedendo l’utilizzo di immagini digitalizzate del veicolo che ha commesso l’infrazione. Tali immagini, attraverso appositi sistemi di trattamento delle informazioni, garantiscono l’attendibilità dell’accertamento effettuato, e consentono la successiva verifica dell’infrazione . 

Il sistema opera nel seguente modo:

  • acquisisce le immagini analizzando la sola porzione che inquadra il semaforo, riuscendo così a conoscere lo stato della lanterna semaforica;
  • ogni volta che viene rilevato un veicolo il sistema verifica lo stato della lanterna semaforica; se la lanterna è rossa salva una sequenza di immagini comprendente gli istanti antecedenti e successivi all’infrazione;
  • su ciascun fotogramma vengono riportate la data e l’ora, l’indicazione dell’incrocio e l’intervallo di tempo trascorso rispetto all’accensione del rosso, l’inquadratura è tale da consentire la visibilità sulle immagini anche della lanterna semaforica rossa accesa.

EnVES EVO MVD 1605

ll sistema EnVES EVO MVD 1605 è un sistema debitamente approvato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per la rilevazione delle infrazioni di passaggio con il rosso e sottoposto annualmente a controllo, come previsto.

Il sistema EnVES EVO MVD 1605 consente l’individuazione delle violazioni commesse, l’acquisizione delle immagini relative al transito in infrazione tale da documentare inequivocabilmente l’infrazione, nonché permette la verifica dei dati associati prevedendo l’utilizzo di immagini digitalizzate del veicolo che ha commesso l’infrazione. Tali immagini, attraverso appositi sistemi di trattamento delle informazioni, garantiscono l’attendibilità dell’accertamento effettuato, e consentono la successiva verifica dell’infrazione .

Il Sistema EnVES EVO MVD 1605 è in grado di documentare chiaramente tutta la dinamica dell’infrazione semaforica, con sequenze fotografiche riportando sia gli avvenimenti precedenti che quelli successivi all’infrazione.

L’apparato rileva tutti i veicoli che transitano mentre la lanterna semaforica è rossa o che si arrestano oltre il limite entro il quale il conducente ha l’obbligo di arrestare il veicolo (striscia di arresto) per rispettare le prescrizioni semaforiche.

I sistemi EnVES EVO MVD 1605 adibiti al controllo semaforico sfruttano la possibilità dell’apparato di gestire telecamere di targa, utilizzate per riprendere la targa del veicolo durante l’attraversamento della striscia di arresto, e di contesto, utilizzate per l’inquadratura di Contesto che permette di riprendere gran parte dell’intersezione e le lanterne semaforiche.

Il sistema opera nel seguente modo:

  • acquisisce le immagini analizzando la targa del veicolo e il contesto che inquadra il semaforo, riuscendo così a conoscere lo stato della lanterna semaforica;
  • ogni volta che viene rilevato un veicolo, il sistema verifica lo stato della lanterna semaforica; se la lanterna è rossa salva una sequenza di immagini comprendente gli istanti antecedenti e successivi all’infrazione;
  • su ciascun fotogramma vengono riportate la data e l’ora, l’indicazione dell’incrocio e l’intervallo di tempo trascorso rispetto all’accensione del rosso; l’inquadratura è tale da consentire la visibilità sulle immagini anche della lanterna semaforica rossa accesa.

Il sistema risulta omologato ed opera anche per la rilevazione del superamento del limite (striscia d’arresto) prima del quale il conducente ha l’obbligo di arrestare il veicolo per rispettare le prescrizioni semaforiche (violazioni ex art. 146 comma 2 del C.d.S.).

 

Aiutaci a migliorare il sito. Valuta questa pagina