Un parco dentro le mura storiche

Il 25 agosto 2020 sono iniziati i lavori per la demolizione dell’ex ospedale Misericordia e Dolce, 170 mila metri cubi di cemento armato lasceranno il posto ad un grande spazio verde nel centro storico. Il Parco Centrale: un’area che mancava nella parte più antica della città, accessibile, sicura, pensata per vivere all’aria aperta e secondo uno stile di vita più sano.

 Il progetto del Parco Centrale


Nell'immagine un operaio al lavoro tra le macerie delle palazzine.

Cosa stanno facendo adesso?

I lavori di demolizione e di rimozione delle macerie sono terminati nel mese di maggio 2021. Successivamente sono stati fatti rilievi con laser scanner al cratere rimasto al posto del vecchio ospedale e sono iniziate le operazioni necessarie al fine di definire tutti i dettagli necessari per poter procedere verso il passaggio di proprietà dell’area dalla ASL Toscana Centro al Comune di Prato e alla definizione del progetto esecutivo.

Cosa è stato fatto e come?

Le opere di demolizione hanno visto l'utilizzo di una maxipinza alta 43 metri, 12 ruspe e una squadra di 30 operai: sono stati demoliti in tutto circa 170mila metri cubi di costruito, rimossi 3 km di amianto e sbancata la terra mista ad amianto che - a sorpresa -  è  emersa dai pilastri delle fondamenta.

La demolizione ha generato complessivamente 62.905 tonnellate di rifiuti, dei quali 62.053 tonnellate (il 98,65%) sono stati destinati al recupero.

Braccio meccanico durante la demolizione della palazzina

Nell'immagine la maxi pinza in azione.

Veduta d'insieme del lato nord-est del cantiere (2 febbraio 2021)

Veduta d'insieme del lato nord-est del cantiere (2 febbraio 2021)

Per informazioni

Scrivere una email a parcocentrale@comune.prato.it 

 

Aiutaci a migliorare il sito. Valuta questa pagina