Multe codice della strada

Quando la Polizia Municipale (agenti o ausiliari del traffico) ci contesta o ci invia (per posta o per PEC) una sanzione al codice della strada (multa), occorre seguire le modalità indicate in questa pagina.

I passi da fare

1
Leggere il verbale fronte e retro
2
Preparare documenti
3
Effettuare il pagamento
4
Oppure presentare il ricorso

Procedure previste

  • Pagamento
  • Ricorso
  • Archiviazione in autotutela 
  • Rateizzazione
  • Rimborso
  • Sgravio

Costi

  • Riduzione del 30% (quando prevista) se la multa è pagata entro 5 giorni dalla contestazione o notifica del verbale
  • Importo intero se pagata dal 6°al 60° giorno
  • Dopo 60 giorni l'importo raddoppia

Ricorso

  • Al Prefetto, entro 60 giorni dalla contestazione o notifica del verbale
  • In alternativa al Giudice di Pace, entro 30 giorni dalla contestazione o notifica del verbale

Richiesta ricorso:

Modello ricorso verbale codice della strada

Richiesta di accesso agli atti:

Modello richiesta accesso atti della Polizia Municipale
Richiesta di accesso agli atti di Sinistro Stradale

Richiesta di archiviazione verbale:

Modello richiesta archiviazione verbale

Richiesta rateizzazione:

Modello richiesta rateazione
Modello richiesta rateazione verbale titolo esecutivo

Richiesta rimborso:

Modello richiesta dati beneficiario persone giuridiche
Modello richiesta dati beneficiario persone fisiche

Richiesta sgravio:

Modello richiesta sgravi

Richiesta comunicazione generalità del conducente:

Modello dichiarazione decurtazione punti patente

Le modalità di pagamento della multa sono indicate sul retro del verbale.

L'elenco completo di tutte le modalità di pagamento è disponibile anche nella pagina "Come e dove pagare gli atti della Polizia Municipale e le ordinanze".

Per il pagamento in banca o dal tabaccaio è necessario presentare il verbale della violazione.

Online

Ad eccezione dei casi in cui non si puņ pagare online, č possibile pagare con il servizio:

Pagamento di multe Online

Riduzione del 30% dell'importo:

  • In caso di contestazione immediata della multa da parte dell'agente al cittadino, è possibile beneficiare della riduzione del 30% sull'importo della sanzione se viene pagata entro 5 giorni.
  • In caso di contravvenzione lasciata sul parabrezza del veicolo, l'importo ridotto del 30% è già riportato sul verbale, e può essere pagato entro 10 giorni dalla data di violazione. Oltre il decimo giorno possono essere aggiunte le spese di procedimento e notifica.
  • In caso di notifica al proprietario del veicolo (ad esempio a casa) è possibile beneficiare della riduzione del 30% sull'importo della sanzione se viene pagata entro 5 giorni.
     

Importo intero:

Oltre il termine di 5 giorni ed entro 60 giorni della contestazione, devo pagare l'intero importo della sanzione più le spese di notifica, se previste.


Importo raddoppiato:

Se non pago entro 60 giorni l'importo viene raddoppiato.

In caso di prolungato mancato pagamento verrà emesso un atto ingiuntivo comprensivo delle maggiorazioni di legge, sotto forma di cartella esattoriale.

 

Ricorso al Prefetto

Entro 60 giorni dalla contestazione da parte dell’agente, o dalla notifica del verbale (ricevuto a casa, ritirato alla posta, presso il Comando, della Polizia Municipale, o alla casa comunale) posso presentare Ricorso al Prefetto, utilizzando il modello "ricorso verbale codice strada".
Il modello deve essere compilato in ogni sua parte, facendo attenzione ad indicare in maniera precisa i motivi del ricorso, ed allegando, in originale, il relativo verbale; infine, inviarlo al Prefetto tramite il Comando della Polizia Municipale, come indicato nella modulistica.
Il Ricorso al Prefetto è gratuito.


Ricorso al Giudice di Pace

Entro 30 giorni dalla contestazione da parte dell’agente, o dalla notifica del verbale (ricevuto a casa, ritirato alla posta, presso il Comando, della Polizia Municipale, o alla casa comunale) in alternativa al Ricorso al Prefetto, è possibile presentare Ricorso al Giudice di Pace (a Prato, in viale della Repubblica, 241).
Il Ricorso al Giudice di Pace è a pagamento: all’atto della presentazione, deve essere versato un contributo unificato, a favore dello Stato, che varia secondo il valore della causa. Sia l’ammontare del Contributo che il valore della causa vanno espressamente dichiarati nel Ricorso.

Accesso agli atti

È consentito l'accesso agli atti:

  • all'intestatario;
  • al Legale Rappresentante di una Società, Azienda, Associazione ecc.
  • a un delegato dell'intestatario
  • in casi eccezionali, a chi ha un interesse concreto, lecito e attuale a conoscere atti a sé non direttamente riferibili

Utilizzare il modello “Richiesta accesso atti”, compilarlo in ogni sua parte, avendo cura di specificarne la tipologia.
La richiesta è gratuita: l’atto viene inviato solo a mezzo PEC o email.

Archiviazione del preavviso (verbale lasciato sul veicolo)

Se sul veicolo si trova una multa, per aver parcheggiato:

  • su uno stallo di sosta a pagamento (di colore blu), e sono in regola con il pagamento della sosta;
  • su uno stallo di sosta di riservato (ai residenti, ai disabili, ecc.), e sono titolare di un’autorizzazione alla sosta prolungata (residente in Zona a Traffico Limitato settore A o B, Zona a Traffico Controllato, titolare di permesso temporaneo per la sosta orario o giornaliero, ecc).

è possibile fare richiesta di archiviazione della multa, senza attendere la notifica del verbale, compilando il modulo “Richiesta archiviazione verbale”, allegando copia del titolo autorizzativo.

Rateizzazione

Si può chiedere la rateizzazione della somma indicata nel verbale, nel caso:

  • questa risulti superiore a € 200,00
  • il reddito dell’interessato non superi €10.628,16 e entro l’ulteriore limite di € 1.032,91 per ogni familiare convivente.

La domanda deve essere presentata, compilando il modello "Richiesta rateizzazione", entro 30 giorni dalla notifica del verbale (arrivato a casa, ritirato alla posta, presso il Comando della Polizia Municipale, o alla casa comunale) o dalla contestazione dello stesso (redatto e consegnato nell’immediatezza della violazione);

Nel caso di rateizzazione di verbali non pagati in misura ridotta entro 60 giorni dalla notifica o contestazione, oppure se si è perso il ricorso al Prefetto, la somma da pagare indicata nel verbale è raddoppiata.

Rateizzazione verbale titolo esecutivo
La domanda di "Richiesta rateizzazione verbale titolo esecutivo", a condizione che il reddito familiare non superi i limiti indicati nella tabella riportata nel modello, può essere presentata prima che il verbale venga disposto per la riscossione coattiva, che normalmente avviene alcuni mesi dopo la scadenza prevista per il pagamento.

In ogni caso la rateizzazione comporta l'applicazione di interessi e si raccomanda di leggere attentamente tutto il modello e in particolare le parti evidenziate in grassetto.
 

Sgravio dal procedimento

Si può chiedere lo sgravio dal procedimento di riscossione coattiva di tutti o parte dei debiti imputati nella cartella o ingiunzione di pagamento, emessi da Equitalia o da SO RI S.p.a., qualora essi non siano dovuti, compilando il modello "richiesta sgravi".
Nel caso in cui in nella cartella o nell'ingiunzione di pagamento risultino più titoli esecutivi (verbali, ordinanze, sentenze, ecc.) per il quali si procede alla riscossione coattiva e la richiesta sia limitata solo ad alcuni di questi, devono essere indicati gli atti per i quali si chiede lo sgravio delle somme.


Richiesta rimborso

Nel caso di doppi pagamenti, pagamenti erronei, tariffa rimozione veicoli, ecc. per la richiesta di rimborso delle somme indebitamente versate, è necessario compilare:

  • Per le persone fisiche (cittadini, ecc...): "Modello richiesta dati beneficiario persone fisiche"
  • Per le persone giuridiche (imprese, ecc...): "Modello richiesta dati beneficiario persone giuridiche"

In tutti i casi in cui dalla violazione consegua la decurtazione dei punti della patente di guida, l'intestatario del verbale è tenuto alla comunicazione delle generalità e dati della patente del conducente del veicolo, entro 60 giorni dalla data di notifica dello stesso, anche nel caso che si tratti della medesima persona, tramite la compilazione del modello, che di norma accompagna il verbale che viene inviato al destinatario.

Nelle ipotesi di smarrimento o mancata allegazione, è possibile utilizzare il modello "dichiarazione decurtazione punti patente".

La comunicazione è dovuta anche in presenza nel caso in cui si stia facendo ricorso;
L'omessa comunicazione entro 60 giorni dalla notifica è sanzionata con una ulteriore sanzione pecuniaria di 286 euro. 

La comunicazione può essere fatta anche attraverso il servizio online: Comunica i dati del conducente

Via delle Badie 130 - Prato
Centralino (per informazioni)
0574 1837878
Per appuntamenti
0574 1837878
(da lunedì a venerdì ore 9.00 - 13.00, sabato 9.00 - 12.00)
Apertura al pubblico
Solo su appuntamento causa Covid-19
Lunedì e giovedì ore 9.00 - 13.00
Sabato ore 9.00 - 12.00
Per informazioni, appuntamenti e invio documentazione

Responsabile del procedimento

Marco Rinella

Telefono: 0574 1837891

Funzionario antiritardo

Maccioni Marco

Telefono: 0574 42391
QR code
Aiutaci a migliorare il sito. Valuta questa pagina