L’Anagrafe non può rilasciare informazioni in merito ai dati anagrafici dei cittadini, bensì deve provvedere all’emissione della prevista certificazione anagrafica a favore del soggetto richiedente.

I certificati rilasciati dal Comune (residenza, nascita, ecc..) sono necessari solo tra soggetti privati. Alle pubbliche amministrazioni ed ai gestori di pubblici servizi (es. Enel, Publiacqua...) potrà essere presentata un'autocertificazione o la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà.

I passi da fare

1
Pagare con bonifico
2
Inviare la richiesta
3
Ricevere certificato

Come fare i certificati

  • Esenti bollo: gratuitamente con Servizio online, Jolly e T-Serve
  • Con bollo: invio modulo per Pec o Posta

Chi può richiederli

  • Certificati anagrafici: possono essere richiesti da tutti i cittadini
  • Certificati storici: da tutti i maggiorenni che hanno un interesse diretto

Documenti da allegare

  • Modulo richiesta certificato anagrafico
  • Modulo richiesta certificato anagrafico storico
  • Fotocopia del documento di identità

Costi

  • Bollo: € 16,00
  • Diritti di segreteria: € 0,50
  • Esenzioni e certificazioni anagrafiche storiche: vedi costi e modalità di pagamento

Tempi di attesa

  • Entro 30 giorni dalla data di ricezione della richiesta

Certificati anagrafici

Possono essere richiesti da tutti i cittadini, pubbliche amministrazioni, professionisti, che hanno necessità di certificare la posizione anagrafica di singoli o delle famiglie agli atti del Comune.

Sono validi sei mesi dalla data di emissione.

È possibile richiedere le seguenti certificazioni, alla data attuale:

  • certificato di residenza
  • certificato di stato di famiglia
  • certificato di cittadinanza
  • certificato di stato libero
  • certificato contestuale (ad es. residenza, stato famiglia, stato libero e cittadinanza)
  • certificato anagrafico di nascita
  • certificato di residenza AIRE (Anagrafe degli italiani residenti all'estero)
  • certificato di famiglia AIRE


Certificati storici

Attestano notizie anagrafiche pregresse (residenza e composizione del nucleo familiare).

La richiesta può essere presentata da chiunque, maggiorenne e che abbia un interesse diretto, concreto, attuale e giuridicamente tutelato.

Richieste di rilascio per ricerche genealogiche non possono essere accolte in quanto non previste dalla natura anagrafica.

Fotocopia del documento di identità

Modulo per certificato anagrafico:

Richiesta certificato anagrafico

Modulo per certificato storico:

Richiesta certificato anagrafico storico

Solo per richiesta tramite PEC o Posta:

Se la certificazione lo richiede
Attestazione di avvenuto pagamento dei diritti o del bollo

Il certificato viene rilasciato entro 30 giorni dalla data di ricezione della richiesta.

I certificati per gli usi esenti da bollo possono essere ottenuti gratuitamente tramite il Servizio online.

I residenti nel Comune di Prato possono accedere al servizio online con i dati del codice fiscale e numero della carta di identità.

Altrimenti, per accedere al servizio online, autenticarsi con Spid o entrare con una CNS attiva (es. tessera sanitaria elettronica) ​o con Carta di identità elettronica (CIE).

È disponibile una guida per l'uso del servizio online.

Online

Solo per certificati esenti da bollo


Per posta

Inviare tutti i documenti dentro una busta affrancata con scritto sopra il proprio indirizzo per la successiva spedizione del certificato.

Ufficio di Anagrafe del Comune di Prato

Piazza Cardinale Niccolò, 13 - 59100 Prato.

Jolly

Solo per certificati esenti da bollo

T-serve

Solo per certificati esenti da bollo

  • Nelle tabaccherie aderenti al servizio T-SERVE

Bollo e Diritti di segreteria

Le certificazioni anagrafiche hanno di norma un costo complessivo di € 16,50 (comprensivi di € 16.00 di bollo e di € 0,50 di diritti di segreteria).

Nel caso di richiesta di certificati per PEC o posta, occorre effettuare preventivamente il pagamento tramite bonifico bancario, inserendo i seguenti dati, e inviando la ricevuta insieme al modulo di richiesta:

Causale: “Richiesta di certificazione anagrafica”
IBAN: IT72T0306921531100000046012 intestato al Comune di Prato presso Banca Intesa San Paolo.


Certificazione anagrafica storica

Per certificati antecedenti la data del 02.11.2009 (redatti a mano con ricerca d’archivio):

  • Certificato di Residenza storico:
    • In esenzione dall’imposta di bollo: € 2,60;
    • Soggetto ad imposta di BOLLO: marca da bollo da € 16,00 oltre a € 5,15 per diritti;
  • Certificato di Stato di famiglia storico:
    • In esenzione dall’imposta di bollo: € 2,60 per ogni nominativo riportato,
    • Soggetto ad imposta di BOLLO: marca da bollo da € 16,00 oltre a € 5,15 per diritti per ogni nominativo riportato sulla certificazione.

Per certificati storici successivi la data del 02.11.2009:

  • Certificato di Residenza storico:
    • In esenzione dall’imposta di bollo: gratuito;
    • Soggetto ad imposta di BOLLO: marca da bollo da €16,00 oltre a € 0,50 per diritti (totale € 16,50 a certificato);
  • Certificato di Stato di famiglia storico:
    • In esenzione dall’imposta di bollo: gratuito;
    • Soggetto ad imposta di BOLLO: marca da bollo da € 16,00 oltre a € 0,50 per diritti per ogni nominativo riportato sulla certificazione.


Certificazione storica di stato di famiglia

In questo caso la richiesta è soggetta a diritti di ricerca d’archivio, l’ufficio provvederà ad indicare successivamente l’importo da pagare e le relative modalità.

Dal 1° gennaio 2020 vengono soppressi i diritti di segreteria per la certificazione esente da bollo, quindi quest'ultima sarà gratuita.

Non si paga il bollo nei casi in cui sia richiesto per gli utilizzi sotto elencati:

  • Adozione, affidamento e tutela minori
  • C.T.U. nominato dal Tribunale o dal P.M. - Curatore fallimentare
  • Interdizione, inabilitazione, amministrazione di sostegno (certificati da produrre nel procedimento)
  • Certificati richiesti da ONLUS
  • Pensione estera
  • Processuale (certificati da richiedere esclusivamente nel corso del procedimento - Vi rientra l’uso notifica degli atti giudiziari)
  • Separazione legale/Divorzio
  • Certificati richiesti da società sportive

L'utilizzo di certificati in carta libera, per usi diversi da quelli indicati sul certificato, è una forma di evasione fiscale.

  • Legge n. 183/2011
  • Legge 74/1987
  • Legge 184/1983
  • Legge 08.06.1962 art. 40, Tabella D
  • DPR 642/1972
  • DPR 115/2002

Responsabile del procedimento

Funzionario antiritardo

Lotti Rosanna

Aiutaci a migliorare il sito. Valuta questa pagina