24.12.2020 - A partire dal 1° gennaio 2021 i bonus sociali per disagio economico saranno riconosciuti automaticamente in bolletta ai cittadini/nuclei familiari che ne hanno diritto, senza che questi debbano presentare domanda come stabilito dal decreto legge 26 ottobre 2019 n. 124, convertito con modificazioni dalla legge 19 dicembre 2019, n. 157. Vedi Cosa cambia dal sito di Arera.

Ogni anno, sarà sufficiente presentare la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per ottenere l'attestazione ISEE utile per le differenti prestazioni agevolate. Se il nucleo familiare rientra in una delle tre condizioni di disagio economico che danno diritto al bonus,  l'INPS invia i suoi dati (nel rispetto della normativa sulla privacy e altre disposizioni) al SII (Sistema Informativo Integrato), che incrocia i dati ricevuti con quelli relativi alle forniture di elettricità, gas e acqua, permettendo di erogare automaticamente i bonus agli aventi diritto.

Eventuali domande presentate dal 1° gennaio 2021 in poi quindi non potranno essere accettate dai Comuni e dai CAF e non saranno in ogni caso valide per ottenere il bonus.

Dal 1° gennaio 2021 per i soggetti che si trovano in gravi condizioni di salute e che utilizzano apparecchiature elettromedicali per la loro sopravvivenza possono presentare domanda per il Bonus per disagio fisico tramite Caf abilitati. La domanda non deve essere rinnovata. 

Agevolazione tariffe elettriche - agevolazione-tariffe-elettriche-page.jpg

Il Bonus elettrico è una misura che serve a ridurre la spesa, per la fornitura di energia elettrica, sostenuta da famiglie in condizioni di disagio economico o che, per gravi motivi di salute di uno o più membri, utilizzano apparecchiature elettromedicali salvavita.

A partire dal 1° gennaio 2021 i bonus sociali per disagio economico saranno riconosciuti automaticamente in bolletta ai cittadini/nuclei familiari che ne hanno diritto, senza che questi debbano presentare domandaOgni anno, sarà sufficiente presentare la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per ottenere l'attestazione ISEE utile per le differenti prestazioni agevolate.

Ulteriori informazioni su ARERA - Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente.

I passi da fare

1
Solo per disagio Fisico
2
Preparare documenti
3
Prendere appuntamento ai CAF
4
Presentare la richiesta

Chi deve richiederlo

  • Famiglie in condizioni di disagio fisico, con apparecchiature elettromedicali salvavita

Documenti richiesti

  • Modulo di richiesta del bonus
  • Documento d'identità e codice fiscale del titolare della fornitura
  • Documento d'identità e codice fiscale del malato se diverso dal richiedente
  • Fattura energia elettrica
  • Copia certificato ASL

Tempi e iter

  • Rilascio dell'attestazione ai beneficiari dopo la verifica dei dati
  • L'importo del bonus viene scontato direttamente sulla bolletta elettrica

Per disagio economico

  • Richiedere ogni anno DSU per ottenere l'attestazione Isee
  • Automaticamente in bolletta senza presentare domanda

Bonus per disagio fisico

Il Bonus elettrico per disagio fisico può essere richiesto dalle famiglie intestatarie di un contratto di fornitura elettrica che rientrano in questa fattispecie:

  • nuclei familiari con componenti affetti da gravi malattie e costretti all’utilizzo di apparecchiature mediche alimentate con l’energia elettrica (elettromedicali) indispensabili per il mantenimento in vita.

Bonus per disagio economico

Il Bonus elettrico è inoltre automaticamente calcolato in bolletta ai cittadini/nuclei familiare che soddisfino le seguenti condizioni:

  • indicatore ISEE non superiore a € 8.265;
  • con almeno 4 o più figli a carico, indicatore ISEE non superiore a € 20.000;
  • beneficiario di Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza, anche se con ISEE superiore a € 8.265.

A partire dal 1° gennaio 2021 i bonus sociali per disagio economico saranno riconosciuti automaticamente in bolletta ai cittadini/nuclei familiari che ne hanno diritto, senza presentare domanda.

Ogni anno, sarà sufficiente presentare la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per ottenere l'attestazione ISEE utile per le differenti prestazioni agevolate.

Se il nucleo familiare rientra in una delle tre condizioni di disagio economico che danno diritto al bonus, l'INPS invia i suoi dati (nel rispetto della normativa sulla privacy e altre disposizioni) al SII (Sistema Informativo Integrato), che incrocia i dati ricevuti con quelli relativi alle forniture di elettricità, gas e acqua, permettendo di erogare automaticamente i bonus agli aventi diritto.

Per il disagio fisico:

Documento di identità e codice fiscale del titolare della fornitura
e del malato se diverso dal richiedente;

Fattura relativa alla fornitura di energia elettrica (non il bollettino di pagamento)


Modulistica:

Copia certificato dell’ASL



Con scritto l’esigenza di usare delle apparecchiature mediche, il tipo di apparecchiatura, l’indirizzo in cui il dispositivo viene utilizzato, la data dalla quale l’apparecchio viene utilizzato.


Nel caso in cui non si presenti il titolare della fornitura:

Delega e documento del delegante


Solo per disagio fisico:

La richiesta può essere presentata in ogni momento dell'anno.

Per presentare la domanda occorre rivolgersi ai CAF convenzionati con il Comune (vedi elenco dei CAF convenzionati).

Il servizio è totalmente gratuito, per usufruirne è necessario fissare un appuntamento, al quale bisogna presentarsi con tutta la documentazione già fotocopiata.

Il bonus per disagio fisico non deve essere rinnovato, ma viene erogato fino al cessato uso delle apparecchiature elettromedicali.

  • ACLI Service Prato:
    • via del Romito, 47 - tel. 0574 442033 
    • via Frescobaldi 54/56 - tel. 0574 814702
  • Centro Servizi CISL - via Pallacorda, 5 - tel. 0574 22283
  • CGIL Toscana Srl - Piazza Mercatale, 89 - tel. 0574 31115 e numero verde 800730800
  • CIA Firenze Servizi Srl - viale Vittorio Veneto, 60 - tel. 0574 33673
  • CNA Servizi Srl:
    • via delle Pleiadi, 49 (c/o centro commerciale Coop) - tel. 0574 630022 
    • via A. Zarini, 354/c - tel. 0574 5784
  • Confartigianato – Satadue srl:
    • via D. Saccenti, 19/21 - tel. 0574 6561
    • via G. Garibaldi, 1 - tel. 0574 6561
  • MCL Servizi Srl:
    • via Milano 12 - tel.0574 433458 e 0574 870376 
    • via Rinaldesca, 7/1 tel. 0574604779
  • Tutela fiscale del contribuente Pluricon - via Valentini, 7 - tel. 0574 582364
  • Caf Italia - Via Tommaso Albinoni, 4 - tel. 3281363787 e 3406641540
  • Caf CGN spa:
    • Via Roma, 317 - tel. 0574 634882
    • Via Thouar, 45 - tel 0574 811669
    • Via Ferrucci, 203/c - tel. 0574 564029
    • Viale Veneto, 80 - tel. 0574 483155
    • Via Mascagni, 74 - tel. 0574 962026
    • Via Terracini, 5 - tel. 0574 42868

Servizi offerti

  • Consulenza ed informazione preventiva circa i requisiti necessari per richiedere il bonus.
  • Assistenza nella compilazione del modulo di richiesta per l'accesso alla compensazione.
  • Rilascio all'utente della copia della ricevuta, debitamente sottoscritta, attestante l'avvenuta presentazione della domanda. 
  • Domanda di variazione apparecchiature qualora il numero di apparecchiature medico terapeutiche ed il tempo del loro utilizzo, certificato dalla ASL, dia diritto, in base alla nuova normativa, ad un bonus di importo superiore.

Attenzione: il bonus per disagio fisico non deve essere rinnovato, ma viene erogato fino al cessato uso delle apparecchiature elettromedicali.

Gli abbattimenti concessi verranno compensati in fattura direttamente dal fornitore di energia elettrica.

QR code
Aiutaci a migliorare il sito. Valuta questa pagina