Riferimenti istituzionali

La scuola dell’infanzia si colloca nel sistema educativo nazionale di istruzione e formazione che delinea un percorso formativo coerente ed unitario, nella sua ispirazione pedagogica.

Questo servizio educativo, in aperta collaborazione con i genitori, rappresenta un momento fondamentale per lo sviluppo di identità, autonomia e competenze di tutti i bambini e le bambine.

Per le sue peculiari caratteristiche di ambiente di vita, di relazione e di apprendimento, si configura infatti, come esperienza decisiva per la crescita personale e sociale dei bambini, grazie all’incontro con i coetanei, con gli adulti responsabili professionalmente, con i segni e i linguaggi della cultura di appartenenza.

Calendario scolastico

La scuola dell’infanzia è aperta dal 12 settembre 2022 al 30 giugno 2023.
Come da progetto inserimento, i bambini nuovi iscritti frequentano le prime due settimane in orario ridotto al mattino.

La scuola chiude per il periodo delle vacanze:

  • natalizie, dal 24 dicembre 2022 al 6 gennaio 2023 (termini compresi)
  • pasquali, dal 6 aprile 2022 all'11 aprile 2023 (termini compresi)

Le attività educative sono sospese inoltre nelle seguenti date:

  • 31 ottobre 2022, 9 dicembre 2022 e 24 aprile 2023

Orario giornaliero

Tempo lungo: dalle 8.00 alle 16.30

  • Ingresso: dalle 8.00 alle 9.00
  • Uscita: dalle 16.15 alle 16.30

Tempo corto: dalle 8.00 alle 14.00

  • Ingresso: dalle 8.00 alle 9.00
  • Uscita: dalle 13.00 alle 14.00

Pre-scuola su richiesta: dalle 7.50

  • La richiesta dovrà essere motivata da esigenze lavorative documentate

Post-scuola su richiesta: dalle 16.30 alle 17.30

  • La richiesta dovrà essere motivata da esigenze lavorative documentate; il servizio viene attivato con un numero minimo di richieste; è prevista una tariffa annuale.

I genitori possono chiedere, previa telefonata alla scuola, di riprendere il proprio bambino in anticipo rispetto all’orario pomeridiano di uscita:

  • Per uscita anticipata occasionale occorre firmare il registro delle uscite anticipate occasionali presente all’interno del plesso.
  • L'uscita anticipata permanente a richiesta, deve essere prodotta su apposito modello, che sarà sottoposto all’autorizzazione del Coordinamento Pedagogico.

I genitori possono richiedere di accompagnare il proprio bambino in ritardo rispetto all’orario di entrata del mattino: 

  • Per entrata posticipata occasionale: con motivazione eccezionale occorre telefonare entro le ore 9.00 alle insegnanti
  • Per entrata posticipata permanente: la richiesta, prodotta su apposito modello, sarà sottoposta all’autorizzazione del Coordinamento Pedagogico

Trasporto scolastico (scuolabus)

Alcuni utenti usufruiscono del servizio di trasporto scolastico. Per informazioni sulla presentazione della domanda e sulle tariffe del servizio si può consultare la pagina dedicata al trasporto scolastico.

Come è organizzata la scuola dell'infanzia

Ogni plesso organizza i gruppi-sezione tenendo conto dell’età dei bambini e delle scelte pedagogiche delle insegnanti. Le sezioni possono essere omogenee oppure eterogenee per età. Ogni sezione è composta di norma da 25 bambini e 2 insegnanti di riferimento; nel caso di frequenza di bambini/e disabili la sezione è supportata dalla presenza di una insegnante aggiuntiva.
L'orario lavorativo delle insegnanti è organizzato in turni di sei ore, intercambiabili ogni settimana e comprensivi di un tempo di co-presenza lavorativa.
Ogni scuola individua forme di flessibilità operativa per favorire strategie ed interventi educativi a piccolo/medio gruppo tramite laboratori e centri di interesse.
I bambini iscritti alla scuola familiarizzano con l’ambiente attraverso spazi e tempi condivisi.

Inserimento e ambientamento dei bambini alla scuola dell'infanzia

Per facilitare l’ingresso dei bambini nuovi ammessi nelle scuole dell’infanzia comunali è previsto un percorso specifico per favorire l’ambientamento che si realizza attraverso una organizzazione articolata, soprattutto dei primi giorni di frequenza scolastica.

In sintesi il percorso di inserimento si può così schematizzare:

  • per i bambini di tre anni: ingresso diviso in due gruppi:
  1.     La prima settimana i bambini entrano per poche ore (per i primi 3 giorni) e dal quarto giorno possono rimanere a pranzo 
  2.     La seconda settimana di inserimento i bambini rimangono a pranzo
  3.     La terza rimangono ad orario completo, sperimentando il riposo pomeridiano (previsto per i bambini di 3 e 4 anni)
  • per i bambini di 4 e 5 anni, (evitando possibilmente l’inserimento di un solo bambino/a in un gruppo già costituito): ingresso graduale, con possibilità di contrarre i tempi standard valutate singolarmente l’autonomia e le competenze socio-relazionali. 
     

La giornata nella scuola dell'infanzia

Una scansione della giornata scolastica organizzata permette al bambino/a non solo apprendimenti  cognitivi rispetto al tempo in cui vive le sue esperienze, ma anche e sopratutto la possibilità di  comprendere cosa sta facendo e/o cosa è chiamato a fare e di essere partecipe e  attivo rispetto a ciò che accade o accadrà. Pertanto la giornata scolastica  è caratterizzata da:

  • ritualità che scandiscono il tempo e che permettano al bambino/a di predisporsi alle esperienze nei migliori dei modi; le ritualità vengono in particolare strutturate nei momenti di cura e nei momenti ad alta intensità emotiva e affettiva come l’entrata e l’uscita da scuola;
  • alternanza e varietà di proposte, evitando ripetizioni e monotonie che possono determinare nei bambini saturazione di interesse o situazioni che favoriscono aggressività, dispersività o fughe da parte dei bambini: particolare attenzione viene pertanto prestata ai momenti di passaggio, ai momenti di maggiore autonomia dei bambini, al gioco all’esterno della scuola.    
  • condivisione con i bambini sulle attività e sul loro andamento; 
  • tempi distesi, offerti ai bambini dalle strategie didattiche adottate, tali da consentire ai bambini profondità, riflessione, variazione dei punti di vista, dei codici  e delle modalità di affrontare un tema, un argomento, un problema. 

Partecipazione dei genitori alla vita scolastica

Prima assemblea dei genitori
Di norma nel mese di ottobre le insegnanti convocano i genitori di tutti i bambini frequentanti la scuola per illustrare l’organizzazione e la programmazione collegiale redatta dalle insegnanti.
Incontri di sezione
I genitori dei bambini di ogni sezione sono convocati dalle insegnanti almeno tre volte l’anno per un resoconto delle attività della sezione e della progettualità educativa
Colloqui individuali
Ogni sezione organizza i colloqui individuali con i genitori per parlare di argomenti che riguardano vari aspetti della crescita personale dei bambini e delle bambine, per costruire alleanze e condivisione di  principi e comportamenti educativi.
Consiglio di Plesso
È costituito da rappresentanti di genitori, insegnanti, ausiliarie del nido. E’ convocato e presieduto dalla delegata di plesso; si riunisce almeno tre volte l’anno e ha compiti organizzativi e consultivi.
 

Incontri collettivi di livello cittadino
Comitato Mensa:

  1. Ogni scuola all’inizio dell’anno scolastico nomina un genitore rappresentante per il comitato mensa.
  2. I rappresentanti si riuniscono, discutono e nominano un portavoce e un sostituto per l’esecutivo della Commissione Mensa Cittadina che riunisce tutte le scuole pratesi di ogni ordine e grado.
  3. Il portavoce si confronta con i rappresentanti delle singole scuole almeno due volte l’anno.

Comitato di indirizzo
È un comitato a livello cittadino costituito da rappresentanti dell’Amministrazione Comunale, dei genitori, delle insegnanti, del personale ausiliario della scuola; ha funzione di promozione e indirizzo sulle attività dei servizi educativi. Viene rinnovato ogni 2 anni.

Progetti rivolti ai genitori
Sono promossi incontri per specifici progetti che affrontano i temi di maggior interesse per i genitori.

  • Scuole aperte

Nel periodo delle iscrizioni, i genitori che intendono iscrivere il bambino/a alla scuola dell’infanzia possono visitare le scuole dell’infanzia comunali e incontrare le insegnanti. 

  • Primi Incontri

Nel mese di giugno e settembre i genitori dei bambini nuovi ammessi sono invitati a partecipare ad incontri presso la scuola durante i quali viene presentata l’organizzazione e l’attività della scuola dell’infanzia.

  • Incontri... in comune. 

È una iniziativa che propone incontri con esperti per affrontare tematiche relative alla prima infanzia che riguardano il generale il rapporto genitore-figlio. 

  • Laboratori genitori-bambini

Le scuole possono organizzare laboratori per bambini e genitori in occasione delle feste e nell’ambito della programmazione educativa-didattica.

Notizie utili

Vaccinazioni

Le famiglie, al momento dell’iscrizione, non devono presentare nessuna certificazione, gli accertamenti saranno svolti d’ufficio. Tutti i bambini iscritti saranno ammessi alla frequenza; la frequenza potrà essere sospesa a seguito di segnalazione della Azienda U.S.L. relativa a non regolarità degli obblighi vaccinali.

Misure per il contenimento dell’epidemia da COVID-19

L’accesso e la permanenza alla scuola dell'infanzia non è consentita in caso di:

  • sintomatologia compatibile con COVID-19, quale, a titolo esemplificativo: sintomi respiratori acuti come tosse e raffreddore con difficoltà respiratoria, vomito (episodi ripetuti accompagnati da malessere), diarrea (tre o più scariche con feci semiliquide o liquide), perdita del gusto, perdita dell’olfatto, cefalea intensa
    e/o         
  • temperatura corporea superiore a 37,5°C
    e/o       
  • test diagnostico per la ricerca di SARS-CoV-2 positivo

Raccomandiamo alle famiglie di non portare i bambini alla scuola dell'infanzia in presenza delle condizioni sopra descritte e di avvisare tempestivamente le educatrici in caso di positività al COVID-19.

I genitori dei bambini che a causa del virus SARS-CoV-2 sono più esposti al rischio di sviluppare sintomatologie avverse comunicano al Coordinamento Pedagogico ed Organizzativo tale condizione in forma scritta e documentata, precisando anche le eventuali misure di protezione da attivare durante la presenza a scuola/servizio educativo. A seguito della segnalazione ricevuta, il Coordinamento valuta la specifica situazione in raccordo con il Dipartimento di Prevenzione territoriale e il pediatra di famiglia per individuare le opportune misure precauzionali da applicare per garantire la frequenza del bambino/a in presenza in condizioni di sicurezza. 

Nel caso in cui sintomi sospetti riconducibili al COVID-19 si presentassero al nido il personale educativo è tenuto ad informare i genitori e ad ospitare il bambino/a nella stanza dedicata all’isolamento in compagnia di un adulto, fino a quando non sarà affidato ad un genitore/tutore legale, il quale, una volta rientrato al proprio domicilio seguirà le indicazioni del Pediatra, opportunamente informato della situazione.

I bambini risultati positivi al test diagnostico per COVID-19 sono sottoposti alla misura dell’isolamento per 10 giorni o 7 giorni se vaccinati con la dose booster o se hanno completato il ciclo vaccinale completo da meno di 120 giorni e se guariti da meno di 120 giorni. Per il rientro a scuola è necessario l’esito negativo del test al termine dell’isolamento previsto, senza necessità di certificato medico.                                            
In presenza di casi di positività tra bambini l’attività educativa prosegue in presenza e sono adottate le seguenti misure precauzionali:

- fino a 3 casi di positività non viene adottata nessuna misura precauzionale;
- in presenza di almeno 4 casi di positività tra i bambini – i bambini contatti stretti continuano a frequentare il nido in regime di autosorveglianza per 10 giorni dall’ultimo contatto con il soggetto positivo. Ciò significa che in caso di comparsa di sintomi riconducibili al COVID-19, sono tenuti ad effettuare un test antigenico molecolare o rapido,  da ripetere, se i sintomi persistono, dopo 5 giorni dall’ultimo contatto con il caso positivo.

Nel caso in cui il bambino/a risulti contatto stretto di un soggetto positivo al COVID-19 fuori dall’ambito educativo del nido è applicato il regime di autosorveglianza per 10 giorni dall’ultimo contatto con il soggetto positivo. Ciò significa che in caso di comparsa di sintomi riconducibili al COVID-19, sono tenuti ad effettuare un test antigenico molecolare o rapido, da ripetere, se i sintomi persistono, dopo 5 giorni dall’ultimo contatto con il caso positivo.
Ciò significa che i bambini che hanno un genitore/convivente positivo non hanno nessuna restrizione alla frequenza del nido, fermo restando che potranno essere accompagnati solo da adulti che risultano negativi al COVID-19.                                              

L’andamento dell’epidemia è costantemente monitorato a livello nazionale e regionale. In relazione a tale andamento sono riviste e aggiornate le norme anti-contagio.
I genitori verranno informati di tale circostanza dal personale educativo con comunicazioni specifiche. 

Assenze dei bambini da scuola e giustificazioni

Occorre certificato medico in caso di malattia pari o superiore a 6 giorni

Caso di Pediculosi (pidocchi)
In questo caso i bambini possono frequentare dopo l'avvio di idoneo trattamento, attestato da dichiarazione sottoscritta dal genitore.

Assenze per motivi di famiglia

  • Giustificazione orale o scritta da comunicare prima del periodo di assenza
  • In caso di assenza prolungata ingiustificata è prevista la perdita del posto

Diete speciali

Il bambino/a che ha bisogno di una alimentazione particolare per motivi di salute, ha la necessità di compilare un modello di richiesta di dieta corredato da certificato medico che specifichi gli alimenti da escludere e il periodo di tempo per cui è necessaria la particolare alimentazione. La modulistica può essere scaricata al seguente link: Dieta speciale per motivi di salute
Per i bambini che per motivi religiosi non consumano determinati alimenti, c’è la possibilità di richiedere alternative al pasto previsto, compilando apposito modulo del servizio refezione: Dieta speciale per motivi religiosi o culturali
La dieta leggera o in bianco può essere richiesta per motivi di salute improvvisi, comunicandola direttamente, la mattina stessa, al personale scolastico, per periodo non superiore ai 3 giorni altrimenti occorre presentare certificato medico.

Uscite dalla scuola a scopo didattico

I genitori devono sottoscrivere apposita autorizzazione per le uscite dalla scuola a scopo didattico dei propri figli/e.

Riprese video e riproduzione immagini dei bambini/e a scuola

Occorre l’autorizzazione scritta dei genitori per le riprese video e fotografiche dei bambini/e e per il loro uso a scopo di documentazione educativa. 

Consegna dei bambini

I bambini vengono riconsegnati all’uscita da scuola ai genitori, che in caso di necessità possono delegare altre persone, purché in età superiore ai 18 anni, sottoscrivendo apposito modulo firmato alla presenza delle insegnanti e lasciando fotocopia della carta di identità delle persone delegate.

Buone prassi

Sono previste buone prassi, predisposte dal Coordinamento Pedagogico e Organizzativo e consultabili presso la scuola contenenti una serie di indicazioni che rispondono al bisogno di accedere velocemente a risoluzioni consolidate di alcuni problemi che si presentano come eventi non ricorrenti. 

Allegati e documenti

Informagenitori: andare alla scuola dell'infanzia in lingua inglese  (404.02 KB) File con estensione pdf
Informagenitori: andare alla scuola dell'infanzia in lingua cinese  (698.27 KB) File con estensione pdf

Link utili

Recapiti e contatti Servizi Educativi

 

Aiutaci a migliorare il sito. Valuta questa pagina