Autorizzazione scarico acque reflue

Tutte le abitazioni i cui scarichi non sono collegati alla pubblica fognatura o distanti almeno 50 metri, ovvero le attività produttive i cui scarichi idrici sono assimilabili ai domestici, devono richiedere l'autorizzazione allo scarico delle acque di rifiuto (D.Lgs 152/2006).

Per saperne di più consulta le note informative e l’elenco degli scarichi assimilabili ai domestici:

I passi da fare

1
Preparare documenti
2
Pagamento
3
Consegnare la domanda
4
Attendere il rilascio

Chi pu˛ richiederla 

  • Abitazioni private (attivitÓ produttive assimilabili)

Documenti richiesti

  • Modulo di domanda di autorizzazione (con marca da bollo)
  • Relazione tecnica e geologica
  • Certificato di disponibilitÓ del terreno
  • Elaborati grafici e documentazione fotografica
  • Relazione di impossibilitÓ di scarico in pubblica fognatura
  • Ricevuta pagamento spese istruttorie
  • Fotocopia documento di identitÓ

Costi

  • Diritti istruttoria € 50,00
  • Marca da bollo € 16,00

Tempi di attesa

  • Entro 30 giorni

Modulo da compilare:

Domanda di autorizzazione per scarico acque reflue domestiche o assimilabili

Allegati:

Relazione tecnica dettagliata

Devono essere indicate: fonti di approvvigionamento idrico, informazioni sulla tipologia ed entità dello scarico, il dimensionamento e le caratteristiche tecniche del sistema di smaltimento adottato tenuto conto del numero di abitanti equivalenti A.E.

Relazione geologica

Riguardo le caratteristiche del terreno, il livello della falda, e qualsiasi altra informazione utile.

Certificato di disponibilità del terreno

Elaborati grafici in scala idonea

Con l'indicazione della fonte di approvvigionamento idrico, ubicazione dell'insediamento, dimensionamento e modalità manutenzione del sistema di trattamento reflui, del punto di scarico, dei pozzetti di ispezione, delle condotte idriche e della delimitazione della proprietà, planimetria generale in scala non inferiore a 1:2.000, con raggio di almeno 200 metri dall'insediamento, con evidenziate eventuali opere di attingimento di acqua potabile o per irrigazione e il punto di scarico nel corpo ricettore.

Documentazione fotografica

Riguardo l'insediamento dal quale si origina lo scarico, il corpo ricettore, ed in particolare il punto di immissione dello scarico, oppure, nel caso di scarichi sul suolo, il luogo dove viene realizzato il sistema di trattamento dello scarico.

Relazione riguardo l'impossibilità tecnica ed economica a recapitare in corpi idrici superficiali (se scarico sul suolo) o in fognatura pubblica.

Ricevuta di versamento € 50,00 per spese di istruttoria

Copia documento d'identità

In caso di modifica delle caratteristiche qualitative e quantitative dello scarico è necessario rinnovare la richiesta di autorizzazione.

Modulo da compilare:

Rinnovo autorizzazione per scarichi di acque reflue domestiche

Allegati:

Relazione tecnica dettagliata

Devono essere indicati gli interventi effettuati e se tali interventi modificano la tipologia o l'entità dello scarico, in relazione al dimensionamento e alle caratteristiche tecniche del sistema di smaltimento adottato, tenuto conto dell'eventuale aumento del numero di abitanti equivalenti A.E.

Elaborati grafici in scala idonea

Con l'indicazione della fonte di approvvigionamento idrico, ubicazione dell'insediamento, dimensionamento e modalità manutenzione del sistema di trattamento reflui, del punto di scarico, dei pozzetti di ispezione, delle condotte idriche e della delimitazione della proprietà, planimetria generale in scala non inferiore a 1:2.000, con raggio di almeno 200 metri dall'insediamento, con evidenziate eventuali opere di attingimento di acqua potabile o per irrigazione nonché il punto di scarico nel corpo ricettore.

Documentazione fotografica

Riguardo gli interventi effettuati e il punto di immissione dello scarico se diverso dalla situazione autorizzata.

Ricevuta di versamento € 50,00 per spese di istruttoria

Copia documento d'identità

L'autorizzazione per gli scarichi di acque reflue domestiche e gli scarichi assimilabili ai domestici deve essere presentata al Comune di Prato prima dell'attivazione dello scarico. È prevista una sanzione in caso di assenza di autorizzazione.

Per gli scarichi di acque reflue industriali (non assimilati) che non defluiscono in fognature pubbliche la competenza è della Regione, Servizio Ambiente e Energia.

Ricorda che, in caso di modifiche allo scarico, quantitative e qualitative, è necessario rinnovare la richiesta di autorizzazione.

Allo sportello

Consegna a mano di tutta la documentazione:

Piazza del Pesce 9 - Prato
Apertura al pubblico
Lunedì e giovedì ore 9.00 - 17.00
Martedì, mercoledì e venerdì ore 9.00 - 13.00

  • Versamento di € 50,00 sul c/c postale n. 30372502 intestato a "Comune di Prato Tesoreria Comunale" con indicata la seguente causale "Spese istruttoria rilascio autorizzazione scarichi".
  • Marca da bollo di € 16,00 da applicare al modulo.

L'autorizzazione viene rilasciata entro 30 giorni dalla presentazione della richiesta.

Piazza Mercatale 31 - Prato
Irene Morganti
0574 1835644
Inquinamento acustico
0574 1836692
Inquinamento idrico, atmosferico e rifiuti
0574 1836635
Rischio idraulico
0574 1836643
Sanzioni amministrative in materia ambientale
0574 1836682
Incentivi gas auto
0574 1836635
Apertura al pubblico
Lunedì e giovedì ore 9.00 - 17.00; mercoledì ore 9.00 - 13.00 (solo su appuntamento causa Covid-19)

Responsabile del procedimento

Morganti Irene

Telefono: 0574 1835644

Funzionario antiritardo

Caporaso Francesco

QR code
Aiutaci a migliorare il sito. Valuta questa pagina