salta la barra


Comune di Prato

 indietro
.
Cerca nel sito
Elaborati del PS

Strategie per il governo del territorio

Secondo le indicazioni delle L.R.1/05 in questa parte del Piano Strutturale si individuano le strategie da perseguire per il territorio di Prato, in coerenza con il quadro conoscitivo e con lo statuto. Le Strategie di sviluppo sostenibile, e il progetto di territorio che ne consegue, tengono in considerazione sia i valori e i beni riconosciuti con il quadro conoscitivo e tutelati dallo statuto, sia le esigenze di sviluppo delle attività sociali, culturali e economiche della città.

Disciplina dei suoli (Es.5) - Aggiornamento allegati

La disciplina dei suoli consiste nella suddivisione del territorio pratese in “aree” con caratteri simili (aree urbane, aree prevalentemente agricole, aree esclusivamente agricole, Aree protette di interesse locale, Siti di interesse Regionale, Struttura agroambientale) per le quali il Piano Strutturale prevede una norma specifica in merito alla trasformazione dei suoli.
 Disciplina dei suoli - nord - scala 1:10.000 in formato .pdf 15488 kb
 Disciplina dei suoli - sud- scala 1:10.000 in formato .pdf 14116 kb

Sistema Infrastrutturale (Es.6)

All’interno del sistema infrastrutturale si rappresentano le ipotesi di rafforzamento del sistema della mobilità sia nell’area metropolitana (comprendendo anche i comuni limitrofi a Prato) che nell’area comunale, evidenziando le trasformazioni e gli ampliamenti della rete stradale, delle linee ferroviarie e le relative stazioni, del trasporto pubblico, delle piste ciclabili.
 Sistema Infrastrutturale - scala 1:20.000 in formato .pdf 14606 kb

Disciplina di Piano (Es.7)

La disciplina di piano descrive gli elementi che sostituiscono le invarianti e ne detta le “regole” di uso o le prescrizioni per il prossimo Regolamento Urbanistico. Vengono illustrati i sistemi e i sub sistemi in cui il piano suddivide il territorio comunale e ne vengono esplicitate le strategie di trasformazione, il dimensionamento delle funzioni (residenza, commercio, industria, etc) e degli standard (scuole, verde e sport, attrezzature di interesse collettivo).
In questo elaborato si concentra la parte normativa del progetto di Piano Strutturale.

Adozione della "Variante al Piano Strutturale per l'adeguamento del quadro conoscitivo alle direttive del D.P.G.R. 53/R/2011 e al P.G.R.A." con Delibera di Consiglio Comunale n. 71 del 17.09.2018.
Con la variante si modificano e si integrano gli elaborati che rappresentano le pericolosità idraulica, geologica e sismica del territorio e le relative norme.
La variante segue, per la sua adozione ed approvazione, il procedimento di cui all'articolo 19 della LR 65/2014. Pertanto a seguito della pubblicazione sul BURT della delibera di adozione (prevista per il 3 ottobre 2018), tutti i soggetti interessati potranno presentare osservazioni nei 60 giorni successivi.


Elaborato modificato in seguito all’approvazione della "Variante al Piano Strutturale ai fini dell'adeguamento al Piano di Indirizzo Territoriale con valenza di Piano Paesaggistico della Regione Toscana" con Delibera di Consiglio Comunale n. 69 del 13.09.2018.
Con la variante sono state modificate e integrate le norme che definiscono gli obiettivi di qualità del paesaggio e le relative indicazioni per la redazione del Piano Operativo, nonché la rappresentazione dei beni paesaggistici. Pertanto a seguito della pubblicazione sul BURT della delibera di approvazione (prevista il 26 settembre 2018), la variante diventerà efficace.

 Disciplina di Piano in formato .pdf 3272 kb


Ultimo aggiornamento: 18.09.2018
 indietro inizio pagina