28.05.2020 – La Nuova Imu accorpa anche la TASI. Il primo acconto da pagare, entro il 16 giugno, è pari alla metà di quanto versato a titolo di IMU e TASI per l'anno 2019.

La nuova IMU è stata introdotta con la Legge 160 del 27/12/2019 e accorpa la TASI, la tassa sui servizi indivisibili, che è stata abrogata.


E’ una imposta comunale dovuta per il possesso di immobili, situati nel territorio comunale, a qualsiasi uso destinati, compresi quelli strumentali o alla cui produzione o scambio è diretta l’attività dell’impresa.

Tutte le informazioni dettagliate sulla nuova imposta sono disponibili alla pagina Nuova IMU a cura di Sori spa

  • entro il 16.06 versamento in acconto
  • entro il 16.12 versamento a saldo

Il versamento dell'imposta dovuta si effettua in due rate, scadenti la prima il 16 giugno e la seconda il 16 dicembre. Se il giorno della scadenza cade di sabato o domenica il pagamento si intende regolarmente effettuato se eseguito il primo giorno successivo non festivo.

I versamenti devono essere effettuati a mezzo del modello di pagamento F24, indicando il codice comune G999.

Per il 2020 - In sede di prima applicazione dell'imposta, la prima rata da corrispondere è pari alla metà di quanto versato a titolo di IMU e TASI per l'anno 2019.

Per maggiori dettagli vedi la pagina Nuova IMU: Quando e dove si paga di Sori spa

Il comuni hanno facoltà di approvare le aliquote ed il regolamento della Nuova IMU entro il 31 luglio 2020.  Le aliquote sono efficaci dal 1 gennaio 2020.

Online

Calcola online l'imposta da pagare: calcola l'importo e scarica il modello F24 compilato

Aiutaci a migliorare il sito. Valuta questa pagina