La partecipazione ad una Comunità Energetica Rinnovabile (CER) è aperta a singole persone, edifici condominiali interi, imprese, enti territoriali o autorità locali. E, in generale, a chiunque condivida la finalità di produrre, consumare e gestire localmente l'energia elettrica prodotta da impianti alimentati con Fonti Energetiche Rinnovabili (FER).

Gli edifici condominiali possono entrare nella CER sia come singole unità immobiliari, sia come condominio, a seconda di ciò che si desidera condividere. Nel primo caso ogni condòmino presenterà una richiesta per sé stesso – senza conseguenze per le scelte degli altri – nel secondo caso la richiesta sarà da presentarsi per la sola utenza condominiale a cura dell’Amministratore.

Comunit energetiche rinnovabili

Una Comunità Energetica Rinnovabile (CER) rappresenta un modello sostenibile per la produzione, la condivisione e il consumo di energia elettrica.

In pratica, una CER, è formata da un insieme di cittadini, aziende o soggetti pubblici, che decidono di unirsi per produrre, consumare e scambiare energia proveniente da fonti rinnovabili, in un’ottica di risparmio economico e riduzione delle emissioni inquinanti.
Il tutto è riconosciuto meritevole dalla legge italiana, che infatti ne sostiene lo sviluppo anche con appositi incentivi, purché sia perseguito il miglioramento delle condizioni sociali della comunità ed il contrasto alla povertà energetica.

Gli associati in una CER possono svolgere diversi ruoli:

  • Consumatore:  chi non dispone di un proprio impianto di produzione da fonte rinnovabile (FER - es. impianto fotovoltaico), ma vuole avvalersi dei vantaggi legati alla condivisione dell’energia prodotta dagli impianti FER presenti nella Comunità Energetica.
  • Produttore: chi ha un impianto di produzione di energia elettrica da FER e lo mette a disposizione della Comunica Energetica.
  • Produttore e consumatore: chi svolge in momenti diversi la funzione di produttore o di consumatore (tale soggetto è chiamato "Prosumer").
  • Titolare di superficie idonea: chi detiene la proprietà o la disponibilità di un tetto o di un'altra superficie (a terra o in un edificio), e la rende disponibile alla Comunità Energetica per l’installazione di un impianto alimentato da FER o di suoi elementi complementari.

Il Comune di Prato, nell'intento di fornire supporto alla nascita di una prima Comunità Energetica sul proprio territorio, ha deciso di chiedere ai cittadini di manifestare il proprio interesse alla partecipazione, in qualunque ruolo lo desiderino, alla prima CER.
Criteri, requisiti e modalità operative sono definite nell’Avviso pubblico per raccogliere le manifestazioni di interesse a partecipare alla creazione di una o più CER (Comunità Energetica Rinnovabile) sul territorio di Prato.

I passi da fare

1
Preparare documenti e dati
2
Presentare manifestazione di interesse a CER
3
Scaricare la ricevuta di presentazione domanda

A chi è rivolto

  • Cittadini, aziende, associazioni, soggetti pubblici

Informazioni richieste

  • Ruolo da ricoprire in CER
  • Identificazione del contatore dell'energia (il POD indicato in bolletta)
  • Consumi mensili e costi annuali sostenuti dai consumatori
  • Energia immessa in rete dagli impianti produttori
  • Dati catastali delle superfici idonee ad ospitare nuovi impianti FER

Uso delle informazioni

  • Analisi dei dati di consumo e della producibilità di energia rinnovabile per anno solare

Cosa si ottiene

  • Si candida la propria comunità a ospitare la prima CER promossa dal Comune di Prato
  • Si acquisisce la priorità di associazione alla CER fra tutti gli utenti che ne possono far parte

Si consiglia di recuperare le seguenti informazioni prima di accedere al portale online e comunicare la propria manifestazione di interesse a prendere parte alla CER.
 

Documento di identità fronte e retro in corso di validità (solo per il titolare del POD o della superficie idonea)

POD (Point of Delivery - Numero di presa del contatore di energia elettrica), é il codice che serve ad individuare con precisione l'utenza elettrica, reperibile nella bolletta elettrica nella parte contenente le informazioni contrattuali di fornitura. Vedi pagina FAQ Comunità Energetiche Rinnovabili

Consumi e costi energetici mensili riferiti all'intera annualità più recente (da gennaio a dicembre - solitamente reperibili dalla prima fattura dell’anno successivo a quello di cui interessa trasmettere i dati). Vedi pagina FAQ Comunità Energetiche Rinnovabili

Per i titolari di impianto fotovoltaico (o FER di altro genere):

Dato di immissione di energia in rete riferito all'annualità più recente (da gennaio dicembre), scaricabile dall'area clienti GSE, oltre a mese e anno di attivazione dell'impianto e tipo di incentivo se beneficiario

Per i titolari di superficie idonea all'installazione di un impianto FER:

Dati catastali della superficie

Estensione in mq della superficie disponibile

Chi è interessato a partecipare alla CER, deve comunicare la propria manifestazione di interesse tramite l’apposito portale online, indicando i ruoli che desidera ricoprire, tra:

  • consumatore;
  • produttore;
  • titolare di superficie idonea.

Il portale chiederà di inserire le necessarie informazioni relative ai consumi, alla produzione energetica e alla consistenza delle superfici idonee.

Le manifestazioni di interesse devono essere presentate dalle ore 9.00 di lunedì 20 maggio alle ore 13.00 di lunedì 15 luglio 2024.

Online

Accedi al servizio online e presenta la manifestazione di interesse ad aderire ad una CER (servizio online attivo dalle 9.00 del 20 maggio fino alle 13.00 del 15 luglio 2024)

Vedi anche:

Al termine dell’invio della manifestazione di interesse a partecipare alla Comunità Energetica Rinnovabile (CER), si otterrà una ricevuta, con riassunti i dati del soggetto che ha presentato la domanda e l’evidenza del ruolo che assumerà all’interno della Comunità stessa (consumatore, produttore, produttore e consumatore, titolare di superfici idonee). La ricevuta attesterà che l'interessato ha presentato la domanda entro i termini.

Non essendo stata ancora costituita alcuna CER, la presentazione della richiesta non produce effetti giuridici immediati per l'interessato. Partecipando egli contribuisce, piuttosto, a dare forza alla candidatura della propria comunità (intesa come soggetti del territorio alimentato dalla stessa cabina primaria), ad ospitare la prima CER promossa dal Comune.

In generale, l’obiettivo principale di una CER è fornire benefici ambientali, economici e sociali ai propri membri e al contesto locale, attraverso l’autoconsumo diffuso di energia rinnovabile.

  • Benefici economici: con gli incentivi previsti dalla condivisione dell’energia prodotta e utilizzata, è possibile redistribuire un beneficio economico ai membri della CER, sia produttori che consumatori.
  • Benefici ambientali: l'energia immessa nella rete di distribuzione è prodotta da fonti rinnovabili, senza usare combustibili fossili e senza emettere CO2. A tutto ciò si aggiunge un grande vantaggio della "generazione distribuita", in quanto i consumatori si trovano a breve distanza dai produttori e ciò permette di ridurre quasi a zero le perdite di energia, dovute al trasporto sulle lunghe distanze fra i centri abitati e le grandi centrali elettriche.
  • Benefici sociali: si stimola la coesione sociale sul territorio e si educano i cittadini ad una cultura di sostenibilità urbana, oltre che ad una maggiore consapevolezza sull'uso dell'energia, coinvolgendo tutte le fasce della popolazione.

Una volta concluso il periodo di invio delle manifestazioni di interesse, verrà presa nota di tutte le richieste pervenute e sulla base di queste sarà avviata l'analisi dei dati.

All’analisi, che potrà richiedere alcune settimane o mesi in dipendenza della complessità e della numerosità della partecipazione, seguirà la scelta della cabina primaria intorno a cui realizzare la prima CER.

Il Comune effettuerà una mappatura delle potenziali CER realizzabili sul territorio comunale e darà avvio alla costituzione della prima di esse sulla base della distribuzione delle “cabine primarie” presenti sul territorio (vedi la mappa interattiva delle cabine primarie - dal sito di GSE).
La scelta dell’area per la cabina primaria in cui attivare la prima CER verrà fatta in base alla combinazione tra utenti consumatori ed utenti produttori (bilanciamento tra energia prodotta ed energia consumata), ed in base ai vantaggi tecnici-economici che gli stessi possono portare alla Comunità.

Nel caso in cui la progettazione della CER ottimale comporti dei limiti alla numerosità dei partecipanti, a parità di altre condizioni in ogni categoria (produttori, consumatori, titolari di superfici), si darà la precedenza di associazione secondo l’ordine cronologico della presentazione delle richieste.

Le richieste presentate in riferimento ad altre cabine primarie rimarranno archiviate e saranno tenute in considerazione per le future attivazioni di ulteriori CER. Apposite simulazioni numeriche, infatti, consentiranno di verificare la fattibilità tecnica e la consistenza anche delle future installazioni per ognuna delle cabine primarie.

Tutti i partecipanti alla CER  mantengono i loro diritti di clienti finali, compreso quello della scelta del fornitore di energia elettrica. Infatti, l’appartenenza alla CER, non comporta la scelta di un nuovo fornitore di energia per la propria utenza, né la sottoscrizione di altri nuovi contratti con diversi operatori di mercato.

Gli impianti alimentati da fonti rinnovabili non devono necessariamente essere di proprietà della Comunità, ma possono anche essere messi a disposizione da uno o più membri partecipanti, o da un soggetto terzo non membro della CER.

Fra gli obiettivi della CER c’è l’ottimizzazione dell’uso dell’energia scambiata nella comunità. A questo scopo tutte le tecnologie e le conoscenze utili al miglioramento della gestione delle reti (come ad esempio i sistemi di accumulo di energia, le batterie, le colonnine di ricarica degli autoveicoli ecc.), saranno realizzabili e integrati nello sviluppo della CER, sia dalla comunità stessa che da altri investitori, per stabilizzare le reti o per fornire ulteriori servizi agli associati.

La CER, in quanto soggetto di diritto privato, regolerà autonomamente le modalità di investimento e la ripartizione di costi e benefici tra i suoi membri e i soggetti esterni.

Le unità di produzione di energia devono essere alimentate da fonti rinnovabili. Sono quindi inclusi gli impianti fotovoltaici, ma può essere inserito nelle CER qualunque tipo di impianto rinnovabile (idroelettrico, eolico, biogas, biomasse solide ecc.) che produca energia elettrica.

Per le imprese private la partecipazione alla comunità energetica non deve costituire l’attività commerciale e/o industriale principale, poiché la legge identifica le Comunità Energetiche Rinnovabili come enti senza scopo di lucro.
Per lo stesso principio ispiratore le regole vigenti prevedono l’obbligo di inserire nello statuto della futura CER la condizione che il 45-55% (a seconda dei casi) del totale dell’incentivo, sia destinato ai soli consumatori diversi dalle imprese e/o utilizzato per finalità sociali aventi ricadute sui territori ove sono ubicati gli impianti per la condivisione.

Piazza del Comune 9 - Prato
Numero verde
800 058850 (sia da telefono fisso che mobile)
Linea diretta con lo Sportello disabili ancH'io
0574 1836286 (mercoledì ore 9.00 - 13.00)
Orario di apertura al pubblico
Lunedì ore 9.00 - 13.00 e 15.00 - 17.00
Mercoledì e giovedì ore 9.00 - 13.00
Sportello di orientamento legale
Giovedì ore 15.00 - 17.00
Sportello disabili ancH'io
Tutti i mercoledì ore 9.00 - 13.00
Punto cliente INPS
Lunedì e mercoledì ore 9.00 - 13.00
Sportello consulenza commercialisti
Lunedì ore 15.00 - 17.00
E-mail Sportello disabili ancH'io

  • Decreto legislativo 8 novembre 2021, n. 199
  • Decreto CACER e TIAD – Regole operative per l’accesso al servizio per l’autoconsumo diffuso e al contributo PNRR
  • Configurazioni per l'autoconsumo diffuso (CER - Comunità Energetiche Rinnovabili)
QR code
Aiutaci a migliorare il sito. Valuta questa pagina