Case popolari: assegnazione

Il Comune pubblica, almeno ogni 4 anni, un bando provinciale per l'assegnazione di case popolari, valido per tutti i comuni della provincia di Prato.
Gli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica (ERP), o case popolari, sono abitazioni di proprietà pubblica che vengono concesse in affitto, a canone determinato in base al reddito del nucleo familiare, a coloro che non sono in grado di reperire autonomamente un alloggio sul mercato libero.
L’assegnazione di una casa popolare si può ottenere soltanto partecipando al bando ed entrando a far parte della graduatoria generale.
Criteri, requisiti e modalità operative sono definite dal Bando provinciale per l'assegnazione di alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica (ERP), in seguito nella pagina definito "Bando case popolari 2020", in conformità alla Legge Regionale Toscana n. 2 del 02.01.2019

I passi da fare

1
Verifica dei requisiti
2
Partecipare al bando
3
Attendere la graduatoria

Modalità

  • Servizio online
  • Servizio di facilitazione gratuito solo su appuntamento

Chi può richiederlo

  • Chi non ha possibilità di reperire autonomamente un alloggio sul mercato libero

Graduatorie e ricorsi

  • Graduatoria provvisoria alla scadenza del bando
  • Entro 30 giorni dalla pubblicazione della graduatoria provvisoria possibilità di presentare ricorso 
  • Graduatoria definitiva alla ricezione degli atti da parte della commissione

Per poter presentare la domanda occorre: 

  • avere la cittadinanza italiana o di uno stato aderente all’Unione Europea. I cittadini extra-comunitari possono partecipare se titolari di permessi di soggiorno Ue di lungo periodo oppure di permessi di soggiorno biennali che consentano lo svolgimento di attività lavorativa. I cittadini extra-comunitari con status di rifugiato o di protezione sussidiaria possono ugualmente fare richiesta di alloggio di edilizia pubblica. 
  • essere residenti, o svolgere attività lavorativa stabile, in uno dei Comuni della provincia pratese ed essere residenti o svolgere attività lavorativa stabile in Toscana per almeno cinque anni anche non continuativi.
  • essere esente da condanne penali passate in giudicato per delitti non colposi per i quali è prevista la pena detentiva non inferiore a cinque anni oppure di aver scontato la relativa pena.
  • la situazione economica del nucleo richiedente non deve risultare superiore alla soglia di  € 16.500,00 di valore Isee, così come stabilito dal Consiglio Regionale. 

Per il dettaglio dei requisiti, consultare la guida informativa:

Tutti i documenti da allegare per ogni passo della domanda erano elencati nella guida informativa, scaricabile dalla sezione "Condizioni di servizio".

I moduli da compilare sono disponibili alla pagina del Bando Case popolari 2020.

Le domande per il Bando case popolari 2020 potevano essere presentate in autonomia tramite il servizio online, dalle ore 12.00 del 30.09.2020 alle ore 14.00 del  23.02.2021.

Nei giorni di apertura del bando, i Comuni di Prato, Montemurlo e Poggio a Caiano, mettevano a disposizione, solo su appuntamento, un servizio gratuito di facilitazione pratiche per i cittadini in difficoltà a inoltrare la domanda autonomamente (per maggiori informazioni vedi "Casi particolari").

Online

Accedi al servizio online e presenta la domanda per “Bando Case popolari”
(servizio online chiuso il 23.02.2021)


Vedi anche:

Per ricevere assistenza telefonica alla compilazione della domanda da casa, era attivo dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00 il numero verde 800 821182 (tasto 1).

Servizio di facilitazione: prenota un appuntamento

Attualmente il servizio non è attivo.

Nei giorni di apertura del bando, i Comuni di Prato, Montemurlo e Poggio a Caiano, mettevano a disposizione, solo su appuntamento, un servizio gratuito di facilitazione pratiche per i cittadini in difficoltà a inoltrare la domanda autonomamente.

Per il Comune di Prato il servizio di facilitazione che aiutava a compilare la domanda, era rivolto agli ultrasessantacinquenni senza alcuna rete familiare (che non possono contare sul sostegno di familiari nella compilazione della domanda online), o ai cittadini con comprovate fragilità (disabilità, difficoltà linguistiche o altre condizioni oggettive che non consentono l’accesso a strumenti informatici). Il servizio si svolgeva presso il Servizio sociale e sanità.

Per prenotare l'appuntamento occorreva chiamare il Comune di residenza, oppure se non residente, il Comune della provincia di Prato in cui si lavora.

  • Per il Comune di Prato
    era attivo il numero verde 800 821182, dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 13.00, per prendere appuntamento (tasto 2) oppure per ricevere assistenza telefonica alla compilazione della domanda da casa (tasto 1);
  • Per il Comune di Montemurlo
    era attivo il numero 0574 558571, il lunedì dalle 15.00 alle 17.00 e il giovedì dalle 9.00 alle 13.00; 
  • Per il Comune di Poggio a Caiano
    collegarsi alla pagina Prenotazioni Comune Poggio a Caiano, oppure per avere informazioni telefoniche era possibile contattare il numero 055 87011.

Per i Comuni di Vaiano, Vernio, Cantagallo e Carmignano non era previsto il servizio di facilitazione: la domanda poteva essere presentata esclusivamente accedendo al servizio online con le proprie credenziali SPID, CNS o CIE.

  • Per ricevere informazioni era possibile contattare i seguenti numeri:
    • Comune di Vaiano, tel. 0574 94241
    • Comune di Vernio, tel. 0574 931036
    • Comune di Cantagallo, tel. 0574 931036
    • Comune di Carmignano, tel. 055 8750213
       

Sindacati che offrono assistenza

Gli associati dei sindacati SUNIA - SICET - UNIAT potevano ricevere assistenza alla compilazione presso il proprio sindacato di riferimento.
 

Prima di presentarsi all'appuntamento

Il giorno dell'appuntamento con il facilitatore era necessario avere con sé tutti i dati e la documentazione utile.

Era importante presentarsi con tutta la documentazione necessaria, perché i documenti venivano scansionati e allegati alla domanda, altrimenti non erano assegnati i relativi punteggi.
 

Come disdire

Nel caso in cui l’utente era impossibilitato a presentarsi all’appuntamento, doveva darne comunicazione al relativo Comune almeno due giorni prima della data prevista con le modalità sopra indicate.

Nel caso in cui la disdetta non avveniva nei termini sopra indicati, il Comune di Prato poteva non essere in grado di garantire ulteriormente il servizio di assistenza per la compilazione della domanda. L’utente poteva in ogni caso rivolgersi ai sindacati SUNIA - SICET - UNIAT che forniscono assistenza ai propri iscritti.

Le domande pervenute verranno esaminate dall'Ufficio Casa, che redigerà la graduatoria provvisoria in base ai criteri indicati nel bando.

Graduatorie

La graduatoria provvisoria, con indicazione dei tempi per l’opposizione e del nome del funzionario responsabile del procedimento, è pubblicata per 30 giorni consecutivi all’Albo Pretorio e sul sito istituzionale del Comune alla pagina del Bando case popolari 2020.

Ricorso

Entro 30 giorni dalla pubblicazione della graduatoria provvisoria sarà possibile presentare ricorso alla Commissione Comunale Alloggi con le modalità e il modulo predisposto dal Comune che verrà pubblicato alla pagina del bando al momento dell’approvazione della graduatoria provvisoria.

Graduatoria definitiva

Entro 60 giorni dalla pubblicazione della graduatoria provvisoria, il responsabile del procedimento inoltra la stessa alla Commissione Comunale Alloggi, unitamente alle opposizioni (ricorsi) presentate.
Dal momento della ricezione degli atti, la Commissione elabora e pubblica all'Albo Pretorio la graduatoria definitiva.

Assegnazione alloggi

L’assegnazione degli alloggi avviene seguendo l’ordine utile della graduatoria definitiva, previa verifica del mantenimento dei requisiti di accesso e titoli che danno diritto al punteggio nonché dell’adeguatezza dell’alloggio rispetto alle caratteristiche del nucleo assegnatario.

Graduatoria definitiva

La graduatoria definitiva relativa al bando provinciale 2020 per l’assegnazione di case popolari è stata approvata con determina dirigenziale n. 2067 del 30/08/2022 e pubblicata in data 31 agosto 2022.

Oltre a questa sono stati pubblicati anche l'esito dei ricorsi e l'elenco delle pratiche non ammesse alla graduatoria. Per ragioni di privacy, come già nel caso della graduatoria provvisoria, le istanze coi rispettivi esiti di ricorso sono associate al numero di protocollo reperibile su tutte le pagine della domanda presentata.


Graduatoria provvisoria

La graduatoria provvisoria relativa al bando provinciale 2020 per l’assegnazione di case popolari è stata approvata con determina dirigenziale n. 867 del 21.04.2022 e pubblicata in data 22.04.2022

La graduatoria provvisoria è integrata dall’elenco dei richiedenti che non sono stati ammessi con indicata la motivazione dell’esclusione.

Per ragioni di privacy, i richiedenti sono stati identificati con il numero di pratica, corrispondente al numero di protocollo generale del Comune di Prato (PG), riportato su tutte le pagine della domanda (a sinistra).

Nella pagina dell'avviso, sono disponibili i seguenti documenti:

  • Graduatoria provvisoria in ordine di numero pratica
  • Elenco esclusi in ordine di numero pratica
  • Modulo 1 per la presentazione opposizione contro l’esclusione dalla graduatoria provvisoria
  • Modulo 2 per la presentazione opposizione per l’attribuzione maggior punteggio
     

Come fare ricorso

Il richiedente che ne abbia interesse e motivazione può presentare ricorso avverso la graduatoria provvisoria alla Commissione Comunale Alloggi del Comune di Prato entro i 30 giorni successivi alla data di pubblicazione della stessa utilizzando il modulo predisposto dal Comune di Prato e disponibile:

Il modulo compilato e sottoscritto deve essere accompagnato da un documento di identità in corso di validità e dalla documentazione necessaria a legittimare la richiesta oggetto di opposizione;
Nel caso di ricorso avverso l’esclusione dalla graduatoria provvisoria, l’elenco completo dei documenti da allegare a seconda della richiesta  è dettagliato all’art.4 dell’avviso di bando ed integrato al relativo modulo;
Nel caso di ricorso per l’attribuzione di maggior punteggio, l’elenco completo dei documenti da allegare a seconda della richiesta è dettagliato all’art.5 dell’avviso di bando ed integrato al relativo modulo;

Il ricorso si presenta dal 22.04.2022 al 23.05.2022 consegnando il suddetto modulo a mano o inviandolo a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno al Comune di Prato - Ufficio Protocollo, piazza del Pesce 9 59100 Prato (fa fede il timbro postale) o tramite PEC all’indirizzo comune.prato@postacert.toscana.it.

Si ricorda che

  • i requisiti di ammissibilità alla graduatoria e le condizioni soggettive e oggettive che danno titolo al punteggio devono essere già possedute alla data di pubblicazione del bando ( 30.09.2020 ) e devono essere state dichiarate al momento della presentazione della domanda.
  • la richiesta di ricorso può essere presentata esclusivamente dall’intestatario della domanda di partecipazione al bando provinciale 2020 per l’assegnazione di alloggi ERP.

Nel Guida informativa sono riepilogati i requisiti di accesso e i titoli che danno punteggio:

Comune di Prato

Chiamare il numero verde 800 922 912 (dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00 e il lunedì e il giovedì anche dalle 15.00 alle 17.00), oppure inviare una richiesta per chiedere informazioni.

Comuni della Provincia

Per gli altri comuni della provincia è possibile contattare il proprio Comune di residenza o sede della propria attività lavorativa:

  • Comune di Montemurlo
    chiamare il numero 0574 558556 dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00
  • Comune di Poggio a Caiano
    chiamare il numero 055 87011
  • Comune di Carmignano
    chiamare il numero 055 8750213
  • Comune di Vaiano
    chiamare il numero il numero 0574 942401
  • Comune di Vernio e Comune di Cantagallo
    chiamare il numero 0574 931036

Responsabile del procedimento

Brogi Cristina Maria

Telefono: 0574 1836436

Funzionario antiritardo

Sardi Valentina

Telefono: 0574 1835434
QR code
Aiutaci a migliorare il sito. Valuta questa pagina