I nati prima dell’entrata in vigore del vigente Ordinamento di Stato Civile (ovvero prima del 30.03.2001), che hanno avuto attribuito un nome composto da più elementi, anche se separati tra loro con virgole, trattini o altri segni di interpunzione, possono dichiarare per iscritto all’Ufficiale dello Stato Civile del luogo di nascita, l’esatta indicazione con cui, secondo la propria volontà o secondo l'uso fattone, devono essere riportati gli elementi del proprio nome nelle certificazioni di stato civile e anagrafe.

Tale dichiarazione verrà annotata sugli atti (e su eventuali trascrizioni degli stessi):

  • di nascita dell'interessato
  • di eventuale matrimonio;
  • di nascita di eventuali figli.

La comunicazione della nuova indicazione del nome, verrà trasmessa all’anagrafe di residenza del richiedente per il relativo aggiornamento anagrafico e potrà comportare anche variazioni nel codice fiscale.

Sono di competenza del richiedente le eventuali variazioni che potranno intercorrere nelle transazioni o le eventuali modifiche alle intestazioni di beni o proprietà precedenti alla richiesta di modifica del nome.

I passi da fare

1
Preparare documenti
2
Inviare la richiesta
3
Attendere conferma

Chi può fare richiesta

  • Il diretto interessato
  • Chi esercita la potestà genitoriale o la tutela

Documenti da allegare

  • Documento di riconoscimento in corso di validità
  • Modulo di richiesta esatta indicazione del nome
  • Modulo di richiesta esatta indicazione del nome - per minori
  • Eventuali documenti per dimostrare che il nome scelto è quello con cui si è identificati da tempo

Note

  • La sottoscrizione della dichiarazione non è soggetta ad autenticazione

Tempi di attesa

  • Massimo 30 giorni

Modulo:

Richiesta esatta indicazione del nome
Richiesta esatta indicazione del nome - per minori

Allegato:

Copia di un documento di riconoscimento in corso di validità

Eventuale documentazione

A dimostrazione che il nome scelto è quello con cui si è già identificati da tempo, per uso costante ed ininterrotto

La richiesta, corredata della documentazione necessaria, può essere presentata solamente dal diretto interessato o da chi esercita la potestà genitoriale o la tutela.

La dichiarazione, essendo volta a sanare situazioni pregresse, può essere fatta una sola volta.

È escluso qualsiasi intervento d'ufficio. La sottoscrizione della dichiarazione non è soggetta ad autenticazione.

La domanda può essere fatta:

Allo sportello

Ufficio di Stato Civile

Per posta

Servizi Demografici

Piazza C. Niccolò, 13, 59100, Prato

Massimo 30 giorni dalla data di presentazione della richiesta.

Tale procedura non può essere utilizzata per alterare l'ordine degli elementi del nome (in tal caso si tratterebbe, infatti, di una vera e propria procedura di cambio nome, disciplinata dall’art. 89 del D.P.R. 396/00). 

Solo nel caso in cui di un certo nome si sia fatto un uso costante e ininterrotto, da dimostrare con apposita documentazione, allora è possibile anche variare il numero e/o l’ordine dei vari elementi del nome

In più tale procedura non si applica in caso di mutamento di elementi onomastici (per es. Maria Rosaria in Mariarosaria), in quanto comporterebbe un accorpamento o una separazione degli elementi del nome stesso, che richiede sempre la procedura di cambio nome.

Tale procedura può essere richiesta ed applicata anche per atti di nascita trasmessi dall'estero, per la relativa trascrizione, formati prima dell’entrata in vigore dell'Ordinamento di Stato Civile del 30.03.2001.

In tal caso la relativa richiesta potrà essere presentata all’Ufficiale di Stato Civile dove l’atto di nascita è stato formato, o al Console.

  • Art. 36 D.P.R. n. 396/2000 Regolamento per la revisione e semplificazione dell’ordinamento dello stato civile
  • Circ. Miacel n. 9 dell’11 luglio 2001
  • Circ. Ministero Interno n. 5 del 14.02.2007
  • Massimario dello Stato Civile anno 2012

Responsabile del procedimento

Funzionario antiritardo

Lotti Rosanna

Aiutaci a migliorare il sito. Valuta questa pagina