Autenticazione della firma

È il riconoscimento ufficiale che attesta la proprietà della firma a chi ha reso la dichiarazione. Deve essere apposta in presenza del dipendente (pubblico ufficiale) che deve accertarsi dell’identità del dichiarante.

I passi da fare

1
Preparare i documenti
2
Autenticazione da parte dell'impiegato

Chi pu˛ richiederla

  • Tutti i cittadini maggiorenni

Documentazione richiesta

  • Documento d’identitÓ
  • Atto su cui autenticare la firma

Costi

  • Diritti comunali
  • Eventuali marche da bollo

Il servizio Ŕ rivolto ai maggiorenni.

Per i minori:
la firma deve essere apposta da chi esercita la potestÓ o dal tutore.

Per gli interdetti:
la firma deve essere apposta dal tutore.

Documento di riconoscimento valido

Atto sul quale autenticare la firma

L’autenticazione della firma non è più richiesta per sottoscrivere domande rivolte alla pubblica amministrazione e ai gestori di pubblici servizi.

È ancora necessaria nei seguenti casi:

  • dichiarazioni sostitutive dell'atto di notorietà da presentare a privati;
  • deleghe a riscuotere benefici economici da presentare a Pubbliche Amministrazioni e a gestori di pubblici servizi;
  • passaggi di proprietà di beni mobili registrati (autoveicoli, motoveicoli…);
  • dichiarazioni di accettazione di candidature elettorali;
  • presentazione di liste elettorali;
  • proposte di leggi e referendum nazionali, regionali e locali.

Tutto può essere autenticato direttamente dall’impiegato dell'ufficio che riceve la pratica.

L’autenticazione di firme Ŕ soggetta al pagamento dei diritti comunali e delle eventuali marche da bollo, il cui importo varia in funzione dell’uso.

Aiutaci a migliorare il sito. Valuta questa pagina