salta la barra


Comune di Prato

 indietro

Il territorio comunale è stato suddiviso in classi acusticamente omogeneee, in applicazione dell'articolo 1 comma 2 del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 14 novembre 1997.
Per ciascuna classe acustica sono fissati: i valori limite di emissione, i valori limite assoluti di immissione, i valori limite differenziali di immissione, i valori di attenzione e i valori di qualità.

Di seguito sono elencate le classi acustiche con i corrispondenti valori limite. Tali valori sono distinti tra periodo diurno (che va dalle ore 6.00 alle 22.00) e quello notturno (che va dalle ore 22.00 alle 6.00) e sono espressi in livello continuo equivalente di pressione sonora ponderato A espresso in dB(A).

Classe acustica I - Aree particolarmente protette

Rientrano in questa classe le aree nelle quali la quiete rappresenta un elemento di base per la loro utilizzazione: aree ospedaliere, scolastiche, aree destinate al riposo ed allo svago, aree residenziali rurali, aree di particolare interesse urbanistico, parchi pubblici, ecc.
Valori della classe acustica I
  Valori limite di emissione in dB(A) Valori limite assoluti di immissione in dB(A) Valori limite differenziali di immissione in dB(A) Valori di qualità in dB(A) Valori di attenzione in dB(A) riferiti a un'ora
Periodo diurno (ore 6.00 - 22.00) 45 50 5 47 60
Periodo notturno (ore 22.00 - 6.00) 35 40 3 37 45
inizio pagina

Classe acustica II - Aree prevalentemente residenziali

Rientrano in questa classe le aree urbane interessate prevalentemente da traffico veicolare locale, con bassa densità di popolazione, con limitata presenza di attività commerciali ed assenza di attività industriali e artigianali.
Valori della classe acustica II
  Valori limite di emissione in dB(A) Valori limite assoluti di immissione in dB(A) Valori limite differenziali di immissione in dB(A) Valori di qualità in dB(A) Valori di attenzione in db(a) riferiti a un'ora
Periodo diurno (ore 6.00 - 22.00) 50 55 5 52 65
Periodo notturno (ore 22.00 - 6.00) 40 45 3 42 50
inizio pagina

Classe acustica III - Aree di tipo misto

Rientrano in questa classe le aree urbane interessate da traffico veicolare locale o di attraversamento, con media densità di popolazione, con presenza di attività commerciali, uffici, con limitata presenza di attività artigianali e con assenza di attività industriali; aree rurali interessate da attività che impiegano macchine operatrici.
Valori della classe acustica III
  Valori limite di emissione in dB(A) Valori limite assoluti di immissione in dB(A) Valori limite differenziali di immissione in dB(A) Valori di qualità in dB(A) Valori di attenzione in dB(A) riferiti a un'ora
Periodo diurno (ore 6.00 - 22.00) 55 60 5 57 70
Periodo notturno (ore 22.00 - 6.00) 45 50 3 47 55
inizio pagina

Classe acustica IV - Aree di intensa attività umana

Rientrano in questa classe le aree urbane interessate da intenso traffico veicolare, con alta densità di popolazione, con elevata presenza di attività commerciali e uffici con presenza di attività artigianali; le aree in prossimità di strade di grande comunicazione e di linee ferroviarie; le aree portuali, le aree con limitata presenza di piccole industrie.
Valori della classe acustica IV
  Valori limite di emissione in dB(A) Valori limite assoluti di immissione in dB(A) Valori limite differenziali di immissione in dB(A) Valori di qualità in dB(A) Valori di attenzione in dB(A) riferiti a un'ora
Periodo diurno (ore 6.00 - 22.00) 60 65 5 62 75
Periodo notturno (ore 22.00 - 6.00) 50 55 3 52 60

Note: gli edifici scolastici, le case di cura e di riposo sono classificati nella III classe salvo siano assegnati a classe inferiore nella cartografia. La classificazione suddetta è applicata all'interno degli edifici.
inizio pagina

Classe acustica V - Aree prevalentemente industriali

Rientrano in questa classe le aree interessate da insediamenti industriali e con scarsità di abitazioni.
Valori della classe acustica V
  Valori limite di emissione in dB(A) Valori limite assoluti di immissione in dB(A) Valori limite differenziali di immissione in dB(A) Valori di qualità in dB(A) Valori di attenzione in dB(A) riferiti a un'ora
Periodo diurno (ore 6.00 - 22.00) 65 70 5 67 80
Periodo notturno (ore 22.00 - 6.00) 55 60 3 57 65

Note: gli edifici scolastici, le case di cura e di riposo sono classificati nella III classe salvo siano assegnati a classe inferiore nella cartografia. La classificazione suddetta è applicata all'interno degli edifici.
inizio pagina

Classe acustica VI - Aree esclusivamente industriali

Rientrano in questa classe le aree esclusivamente interessate da attività industriali e prive di insediamenti abitativi.
Valori della classe acustica VI
  Valori limite di emissione in dB(A) Valori limite assoluti di immissione in dB(A) Valori limite differenziali di immissione in dB(A) Valori di qualità in dB(A) Valori di attenzione in dB(A)
Periodo diurno (ore 6.00 - 22.00) 65 70 - 70 70
Periodo notturno (ore 22.00 - 6.00) 65 70 - 70 70

Note: gli edifici scolastici, le case di cura e di riposo sono classificati nella III classe salvo siano assegnati a classe inferiore nella cartografia. La classificazione suddetta è applicata all'interno degli edifici.
inizio pagina

Definizione dei valori limite


Valori limite di emissione

Il valore massimo di rumore che può essere emesso da una sorgente sonora, misurato in prossimità della sorgente stessa.

Valori limite assoluti di immissione

Il valore massimo di rumore che può essere immesso da una o più sorgenti sonore nell'ambiente abitativo o nell'ambiente esterno, misurato in prossimità dei ricettori.

Valori limite differenziali di immissione

Differenza tra il livello equivalente di rumore ambientale (rumore con tutte le sorgenti attive) ed il rumore residuo (rumore con la sorgente da valutare non attiva). Il valore limite differenziale corrisponde a 5 dB per il periodo diurno e 3 dB per il periodo notturno.

I valori limite differenziali non si applicano nei seguenti casi:
  1. nelle aree classificate nella classe VI;
  2. se il rumore misurato a finestre aperte sia inferiore a 50 dB(A) durante il periodo diurno e 40 dB(A) durante il periodo notturno;
  3. se il livello di rumore ambientale a finestre chiuse sia inferiore a 35 dB(A) durante il periodo diurno e 25 dB(A) durante il periodo notturno.
  4. al rumore prodotto da:
    1. dalle infrastrutture stradali, ferroviarie, aeroportuali e marittime;
    2. da attività e comportamenti non connessi con esigenze produttive, commerciali professionali;
    3. da servizi e impianti fissi dell'edificio adibiti ad uso comune, limitatamente al disturbo provocato all'interno dello stesso.

Valori di qualità

I valori di rumore da conseguire nel breve, nel medio e nel lungo periodo con le tecnologie e le metodiche di risanamento disponibili, per realizzare gli obiettivi di tutela previsti dalla Legge 447/95.

Valori di attenzione

Il valore di rumore che segnala la presenza di un potenziale rischio per la salute umana o per l'ambiente
  1. Se riferiti a un'ora, sono i valori limite di immissione aumentati di 10 dB per il periodo diurno e di 5 dB per il periodo notturno.
  2. Se relativi ai tempi di riferimento, corrispondono agli stessi valori limite di immissione. In questo caso, il periodo di valutazione viene scelto in base alle realtà specifiche locali in modo da avere la caratterizzazione del territorio dal punto di vista della rumorosità ambientale.
Il superamento di uno dei due valori, a) o b), ad eccezione delle aree industriali in cui vale il superamento del solo valore di cui al punto b), comporta l'adozione dei piani di risanamento di cui all'articolo 7 della Legge 447/95.
 indietro  inizio pagina