salta la barra


Comune di Prato
 indietro

Apertura domande: dalle 10:00 del 6 ottobre alle 13:00 del 20 ottobre 2021

Invio domanda

Da sapere prima di iniziare...

Spiegazioni dei passi per fare la domanda on line

Scelta del tipo di domanda

Come prima cosa è necessario scegliere il tipo di domanda:

  1. concessione di contributi per autorizzazione/concessione su mercato,
  2. concessione di contributi per autorizzazione/concessione su piazzola fuori mercato.

inizio testo

Informazioni sull'attività

È necessario scegliere:

Dove trovo la data di inizio dell'attività?

inizio testo

Da qui in poi i passi si differenziano a seconda del tipo e dalle caratteristiche dell'azienda che hai selezionato in precedenza



Iscrizione in Camera di Commercio

Inserisci il codice fiscale dell'impresa, così come risulta dall'iscrizione fatta alla Camera di Commercio.
In caso di più iscrizioni è necessario selezionarne una per procedere, tenendo conto che l’iscrizione ad una Camera di Commercio diversa da quella di Prato non è vincolante ai fini della concessione del contributo. Tuttavia l’impresa deve essere attiva.


inizio testo

Legale rappresentante o titolare dell'impresa

Inserisci il codice fiscale e il nome e cognome del legale rappresentante o del titolare dell'impresa.


inizio testo

Concessione piazzola

La piazzola si può trovare in un'area dove viene fatto il mercato, oppure al di fuori, nelle aree adibite.

Titolarità autorizzazione/concessione

È necessario scegliere se si è titolari o possessori della autorizzazione/concessione.
Il titolare è il soggetto che svolge l’attività a titolo definitivo, che può per un certo periodo di tempo, trasferire l’autorizzazione/concessione ad un altro soggetto, il possessore, per affitto azienda, comodato o altro.
Il possessore è quindi l’impresa che svolge temporaneamente l’attività su posteggio, a seguito di contratto di affitto di azienda, di comodato, …
Il cambio di titolarità si ha quando l’azienda titolare viene acquisita definitivamente, in tal caso l’acquirente diventa il nuovo titolare.
In entrambi i casi sarà necessario specificare data e numero dell’autorizzazione/concessione.
La concessione è l’atto che permette di occupare il suolo pubblico per lo svolgimento dell’attività di commercio ed indica l’ubicazione del posteggio, le dimensioni ed il periodo in cui è permessa l’occupazione. L’autorizzazione invece è l’atto con il quale si specifica la tipologia di attività che può svolgere l’impresa. Entrambe vengono rilasciate con lo stesso atto.

Posteggio

Indicare il nome del mercato o del posteggio fuori mercato per cui si richiede il contributo. Nel caso del mercato centrale indicare anche il numero di posteggio.


inizio testo

Requisiti di accesso

Requisiti necessari per le imprese:

Come faccio a calcolare il calo di fatturato?



Caso 1 - Azienda che ha iniziato il 3 aprile 2019
Data inizio attività 03/04/2019
Fatturato 2019: 9.900 euro
Fatturato 2020: 12.000 euro
Mesi lavorati nel 2019: 9
Fatturato mensile medio 2019 = 9.900 / 9 = 1.100 euro
Fatturato mensile medio 2020 = 12.000 / 12 = 1.000 euro
Calcolo Variazione di fatturato medio mensile percentuale = (1.000 – 1.100 ) / 1.100 (%) = - 9,09 %
La variazione è negativa, si ha quindi un calo di fatturato, tuttavia non è sufficiente e pertanto non si è ammessi a contributo

Caso 2 - Azienda che ha iniziato il 17 maggio 2019
Data inizio attività 17/05/2019
Fatturato 2019: 10.500 euro
Fatturato 2020: 12.000 euro
Mesi lavorati nel 2019: 7
Fatturato mensile medio 2019: 10.500 / 7 = 1.500 euro
Fatturato mensile medio 2020 = 12.000 / 12 = 1.000 euro
Calcolo variazione di fatturato medio mensile percentuale (1.000 – 1.500 ) / 1.500 (%) = - 33,33%
La variazione è negativa, si ha quindi un calo di fatturato, la variazione è tale da permettere l’inserimento in graduatoria

Caso 3 - Azienda che ha iniziato prima del 2018 con il 2019 interamente lavorato
Fatturato 2018: 27.000 euro
Fatturato 2019: 18.000 euro
Fatturato 2020: 24.000 euro
In tal caso viene preso in esame il fatturato del 2019.
Calcolo variazione di fatturato = ( 24.000 – 18.000 ) / 18.000 (%) = + 33,33%
La variazione è positiva, si ha quindi un aumento di fatturato del 2020 rispetto al 2019, e pertanto non si è ammessi a contributo.

Caso 4 - Azienda che ha iniziato il 1 febbraio 2018 con 2019 non lavorato per malattia certificata, gravidanza o puerperio, assistenza figlio minore con handicap grave
In tal caso non verrà concesso alcun contributo ai sensi dell’articolo 2 comma 10 del bando.


inizio testo

Dichiarazioni e informazioni

In questa fase, il richiedente deve:

  1. dichiarare di aver preso visione del bando e di essere consapevole che le dichiarazioni costituiscono dichiarazioni sostitutive di certificazione e di atto di notorietà ai sensi degli articoli 46 e 47 del DPR 445/2000 e s.m.i., e che, in caso di dichiarazioni non veritiere o mendaci sarà passibile di sanzioni civili e penali, oltre alla revoca del contributo eventualmente conseguito, come è previsto dagli articoli 75 e 76 del DPR 445/2000 e s.m.i. Bando per la concessione di contributi straordinari a sostegno delle imprese anno 2021;
  2. inserire la propria PEC, a cui verranno inviate le comunicazioni successive all'invio della domanda;
  3. inserire il proprio numero di telefono;
  4. IBAN del conto corrente intestato all'impresa per accredito dell'eventuale beneficio;
  5. dichiarare se l'impresa è o meno soggetta alla ritenuta del 4% ex art. 28 DPR 600/73;
  6. dichiarare di avere preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati personali.

Informativa trattamento dati

 Informativa trattamento dati .pdf - 17Kb

inizio testo

Controllo e preparazione della domanda

La piattaforma controlla che tutti i passi siano stati completati, in caso di dati mancanti appare a video l'elenco degli errori e delle parti da completare, se invece risulta tutto compilato, appare a video una pagina riepilogativa da controllare con attenzione.

Prima di procedere con la generazione della domanda controlla attentamente tutti i dati, perché dopo non potrai più fare correzioni, l'unica possibilità sarà ricominciare da zero la procedura con una nuova domanda.


inizio testo

Scarica la domanda per firmarla digitalmente

Il passo si attiva solo dopo aver completato tutti i passi precedenti. Salva sul tuo computer il file della domanda e firmalo digitalmente.

Il documento deve essere prima scaricato sul proprio PC e poi può essere aperto. Non aprirlo all'interno del browser, questo serve per mantenerne l'originalità.


inizio testo

Invia la domanda

Il passo si attiva solo dopo che hai completato tutti i passi precedenti.
È possibile specificare fino a due indirizzi e-mail (es: il proprio e quello di un'altra persona) ai quali sarà inviata una ricevuta di conferma.
Se è stato inserito il cellulare, il sistema trasmette anche un SMS di conferma.
A questo punto è sufficiente inviare la domanda al Comune e terminare la procedura.
Nel caso ti accorgessi di aver fatto degli errori, dopo aver inviato la domanda, puoi inviarne una nuova; in questo caso verrà presa in considerazione solo l'ultima in ordine di arrivo.


inizio testo

Le altre funzioni

Nella pagina principale del servizio, oltre a inserire nuove domande, si può:
inizio testo

Il link "esci" e la sicurezza del servizio

Tutte le operazioni che prevedono il "passaggio" di dati da Internet sono protette. I dati sono sicuri, nessun estraneo al servizio può entrare in possesso, ad esempio, della tua e-mail o leggere le domande che hai inviato.

Per continuare a garantire questi elevati livelli di sicurezza è bene uscire dal servizio cliccando sullo specifico link "esci" posizionato in alto a destra.
Questa precauzione è particolarmente importante se si utilizza un computer in comune tra più persone oppure una postazione pubblica.


 indietro  inizio pagina