salta la barra


Comune di Prato

 indietro

Traduci la pagina con Google Translate:

Fa parte del canale tematico "Trasporti e viabilità"

03.10.2012 - In seguito al Decreto n.151 del 30 luglio 2012, a partire da settembre 2012, il tagliando arancione è sostituito con il nuovo "Contrassegno europeo" valido per tutti gli stati membri della Comunità Europea. Chi è già in possesso del vecchio tagliando (arancione), ha tre anni di tempo per poterlo sostituire col contrassegno europeo.

Che cos'Ŕ

Breve descrizione

A partire da settembre 2012, il tagliando arancione è stato sostituito dal "Contrassegno europeo" valido per tutti gli stati membri della Comunità Europea (Decreto n.151 del 30 luglio 2012).
Il nuovo permesso, consente ai cittadini italiani con disabilità di usufruire delle agevolazioni relative a circolazione e sosta negli altri Paesi Ue, evitando il rischio di contravvenzioni.

Il contrassegno è un tagliando che permette alle persone disabili di usufruire di facilitazioni nella circolazione e nella sosta dei veicoli.
Il contrassegno è strettamente personale (utilizzabile quindi solo in presenza dell'intestatario), non è vincolato ad uno specifico veicolo, né subordinato al possesso della patente di guida.
E’ sufficiente che l'intestatario lo esponga sul parabrezza del veicolo quando è alla guida o è accompagnato da terzi.
Se il contrassegno non è esposto il veicolo non è autorizzato a sostare o circolare usufruendo delle deroghe di cui al punto successivo e sarà sanzionato di conseguenza. Nemmeno la produzione successiva del contrassegno con la dichiarazione del titolare consentirà l’annullamento del verbale, poiché è solo l'esposizione del titolo personale che garantisce la concessione delle particolari agevolazioni riconosciute dalla legge. In tal senso si è pronunciata anche la Corte di Cassazione civile con sentenza del 4 maggio 2005, n. 8425.

Il contrassegno invalidi, se esposto sul veicolo al servizio effettivo del titolare dello stesso e sempre che la sosta non rechi grave intralcio permette di:
- transitare nelle corsie riservate ai mezzi pubblici;
- circolare nell'area pedonale (Apu), nelle zone a traffico limitato (Ztl) e a traffico controllato (Ztc);
- circolare nel caso di blocco o limitazione della circolazione per motivi di sicurezza pubblica o inquinamento (domeniche ecologiche, targhe alterne…);
- sostare negli spazi riservati ai veicoli delle persone disabili (tranne nelle aree di parcheggio "personalizzate");
- sostare senza limitazioni di tempo nelle aree di parcheggio a tempo determinato (sostare gratuitamente nelle aree con parcometro);
- sostare nelle aree pedonali (Apu), nelle zone a traffico limitato (Ztl) e a traffico controllato (Ztc);
- sostare nelle zone di divieto o limitazione di sosta (purché ciò non costituisca intralcio alla circolazione).

Il contrassegno invalidi, anche se esposto, non autorizza alla sosta nei luoghi dove questa è vietata dalle principali norme di comportamento (marciapiedi, spazi per i mezzi pubblici, in corrispondenza o prossimità delle intersezioni, contro il senso di marcia, sugli attraversamenti pedonali e ciclabili, sulle piste ciclabili, negli spazi riservati ai mezzi di soccorso e di polizia, etc e in ogni luogo dove la sosta rechi comunque grave intralcio).

La durata del contrassegno dipende dal periodo indicato nel certificato del medico legale. La durata massima è di 5 anni anche se l'invalidità è permanente.

Per maggiori informazioni sulla sosta e circolazione negli altri paesi dell'Unione europea vedi "Contrassegno europeo per disabili" al sito dell'Aci (Automobil club Italia).
inizio testo

Come si ottiene

Termini, scadenze, modalitÓ di presentazione della domanda

Dal tagliando arancione al contrassegno europeo
Chi è già in possesso del vecchio tagliando arancione, ha tre anni di tempo per poterlo sostituire col contrassegno europeo.
È possibile rinnovarlo al momento della scadenza oppure, qualora sia necessario utilizzarlo prima, è sufficiente presentarsi all'ufficio permessi (indirizzo in "Dove andare") con due fotografie e il vecchio contrassegno arancione. In caso di impossibilità a presentarsi di persona, poichè nel nuovo contrassegno è necessaria una firma, può essere inviato il rappresentante legale con la delega.

Rilascio
Per richiedere il contrassegno:
1) la persona interessata o un suo delegato deve munirsi del bollettino di pagamento e del modulo presso un Distretto socio-sanitario o presso il poliambulatorio Giovannini o presso l'ufficio "Medicina legale e dello sport" della ASL.
2) Effettuare una visita presso uno specialista della Asl, che rilascia il modulo compilato, con la motivazione della richiesta.
3) Telefonare all’ufficio "Medicina legale e dello sport" e prenotare una visita con il medico legale (vedi in "Dove andare").
4) Effettuare la visita con il medico legale presso l'ufficio "Medicina legale e dello sport" della ASL. Il giorno della visita è necessario portare con sé la documentazione sanitaria e la ricevuta di versamento. Il medico rilascia il certificato che riporta il parere favorevole al rilascio e l’indicazione della durata.
5) Il certificato medico legale insieme a due foto tessera recenti e, nei soli casi di permessi provvisori, due marche da bollo da euro 16,00, vanno consegnati all’Ufficio permessi dell’Essegiemme (vedi indirizzo in "Dove andare").

Duplicato (furto/smarrimento)
Presentarsi all’Ufficio permessi con la denuncia fatta a Carabinieri o Questura e 2 foto tessera. Nel caso di permesso provvisorio (meno di 5 anni ) portare due marche da bollo da 16,00 euro.Entro 15 giorni dall'inoltro della richiesta, è possibile ritirare il contrassegno presso lo stesso Ufficio.

Rinnovo
Nel caso di permesso permanente (durata di 5 anni) presentarsi all’Ufficio permessi con il certificato del medico curante che attesta che le condizioni di invalidità rilevate dal medico legale sono ancora presenti, oltre a 2 foto tessera.
Nel caso di permessi provvisori (meno di 5 anni) occorre il certificato del medico legale, due foto tessera e due marche da bollo da 16,00 euro.

Documenti da presentare

Certificato rilasciato dal medico legale (o dal medico curante in caso di rinnovo del permesso con durata di 5 anni).

Costi e modalitÓ di pagamento

Il rilascio del contrassegno è gratuito.

Tempi e iter della pratica

Il contrassegno viene rilasciato di norma entro 15 giorni dalla presentazione della richiesta corredata correttamente dalla certificazione medica, dalle foto e dalle eventuali marche da bollo.
inizio testo

Note

Segnalazioni e precisazioni

Se si trovano i PARCHEGGI riservati ai disabili occupati abusivamente si può chiamare il numero verde 800 050010 per avere un intervento veloce della Polizia Municipale.
inizio testo

Allegati e documenti

 Modulo delega richiesta permesso invalidi in formato .doc 110 kb
inizio testo
inizio testo

Vedi anche...

Dove andare

 Medicina legale

Sede
Via Lavarone, 3/5 (Ambulatori piano terra.) - 59100 Prato (PO)

Centralino 0574 435339

Orario
1) Presentazione domande: martedý e venerdý ore 11.00 - 13.00; giovedý ore 14.00 - 16.00;

2) Certificazioni medico legali: appuntamento telefonico al n. 0574 435344 dal lunedý al venerdý ore 11.30 - 13.30;

3) Commissione medica locale patenti: appuntamento telefonico (dopo aver ritirato l'opuscolo informativo) al n. 0574 435100 dal lunedý al venerdý ore 8.30 - 10.30.

Responsabile
Roberto Di Silvestre

 Ufficio permessi APU, ZTL, ZTC

Sede
Via Paronese, 106 - 59100 Prato (PO)

Centralino 0574 7081 (ASM - Ambiente Servizi MobilitÓ - S.p.A.)

Telefono
0574 708290 (Ufficio Rilascio Permessi)

Orario
lunedý e giovedý 8.30 - 12.30 e 15.00 - 17.00
martedý, mercoledý, venerdý e sabato 8.30 - 12.30

Sito web http://www.essegiemme.it/

E-mail info@essegiemme.it


 Ufficio permessi APU, ZTL, ZTC: guarda l'indirizzo sulla mappa (apre un'altra pagina)

Condividi su:


Data ultima revisione dei contenuti della pagina: 20.03.2014
 indietro inizio pagina