salta la barra  Comune di Prato  Ambiente, casa e territorio  Architettura  Scuola Scuola primaria e palestra Tavola
logo Comune di Prato
 indietro
Particolare dell'esterno della scuola elementare di Tavoloa
Idee ed architetture nel comune di Prato

Scuola primaria e palestra di Tavola

 Scheda edificio
 i Disegni tecnici
 Fotografie


Informazioni sull'edificio
Destinazione edificio: Scuola elementare
Collocazione:
Progettista: Arch. Marco Meozzi
Anno progetto: 1984
Anno costruzione: 1988/1991

La frazione di Tavola, all'estrema periferia Sud di Prato, é il luogo dove un tempo erano localizzate le risaie e le cascine del Granduca di Toscana. La nuova scuola é stata costruita all'inizio del paese, in una posizione panoramica che ha fortemente influenzato la scelta della forma e dell'orientamento dell'edificio.

La scuola é costituita da un quadrato ruotato a 45° rispetto all'asse stradale, allontanato da questo il più possibile per poter permettere una maggiore vista sul territorio limitrofo. All'interno gli spazi sono organizzati secondo un sistema a griglia ottagonale che permette la moltiplicazione dei punti di vista sull'esterno, come in un grande caleidoscopio immerso nel verde: si propongono vedute parziali del paesaggio rifiutando il panorama ma privilegiando viste selezionate che ricostruiscono il contesto spaziale.

La stessa impostazione é stata seguita nella progettazione delle aule, anch'esse di forma ottagonale per poter godere di viste sull'esterno con vari ed opposti orientamenti Questi muri sono pensati come elementi capaci di assorbire , schermare e riflettere la luce a seconda dell'orientamento con il passare del giorno, vere "pareti riflettenti".

Questo permette di sfruttare la luce naturale anche quando il sole si trova dalla parte opposta dell'edificio sfruttando l'effetto riflessione del lato interno della parete esterna. La pareti esterne, realizzate in mattoni a faccia vista dotati di grandi aperture ad arco costituiscono dei diaframmi che modulano la luce realizzando giochi di luce e di ombre che interrompono l'uniformità degli spazi .

Se l'esterno dell'edificio é progettato come osservatorio nel verde volto a incoraggiare ogni tipo di esplorazione nell'intorno spaziale, al centro della scuola si trova uno spazio complementare: la 'piazzetta' interna centrale, fulcro centripeto intorno al quale ruota l'intera organizzazione distributiva e funzionale della scuola. Tutte le aule e gli spazi di relazione si affacciano su questo spazio, rendendolo simile alla piazza di una città, circondata da vicoli e strade.

Le pareti interne sono state trattate come pareti esterne di ipotetici edifici e le stesse aperture hanno la tipologia tipica delle finestre di un edificio residenziale. Si voleva provocare un processo di estraneazione contestuale, giocando con l'esaltazione dell'equivoco tra 'esterno' ed 'interno'. La pavimentazione a cubetti di porfido, tipica delle nostre città, la scelta degli apparecchi luminosi quali lampioni del tipo stradale, le appliques con globo opaco in grado di dare una luce morbida ed uniforme per richiamare le tipiche illuminazioni esterne dei vialetti pedonali pubblici, sono episodi che concorrono a definire la medesima filosofia progettuale.

L'interno è trattato come un unico volume immediatamente percepibile nelle sua globalità grazie ai vuoti a tutta altezza. La forma circolare della palestra si contrappone al quadrato della scuola ed una "piazzetta" interposta fa da filtro. Un tunnel sospeso in metallo e vetro collega i due edifici. La costruzione della palestra é prevista nell'anno 2001.

 indietro  inizio pagina