Le cooperative sociali sono una speciale categoria di cooperative, a mutualità prevalente di diritto,che perseguono l'interesse generale della comunità alla promozione umana e all'integrazione sociale dei cittadini.

Si occupano di servizi socio-sanitari o educativi e dello svolgimento di diverse attività (agricole, industriali, commerciali o di servizi), finalizzate all'inserimento lavorativo di persone svantaggiate.

I passi da fare

1
Controllare i requisiti
2
Redigere un piano di impresa
3
Creare una base sociale
4
Stipulare atto costitutivo e statuto
5
Effettuare le registrazioni

Tipologie di cooperative sociali

  • Tipo A: svolgono attività socio-sanitare, educative e d’impresa
  • Tipo B: svolgono attività di tipo agricolo, industriale, commerciale o di servizio
  • Tipo misto (A+B): svolgono sia le attività del “Tipo A” e sia del “Tipo B”
  • Consorzi di cooperative sociali

Chi può costituirla

  • Minino 3 persone associate (modello SRL)
  • Tipologie di soci: lavoratori, volontari, finanziatori, sovventori, utenti

Costi

  • Spese notarili
  • Imposta di registro

Esistono quattro tipologie di cooperative sociali:

  • cooperative sociali di tipo A, che svolgono attività socio-sanitare, educative (istruzione e formazione professionale; formazione extra scolastica finalizzata alla prevenzione della dispersione scolastica e al successo scolastico e formativo, alla prevenzione del bullismo ed al contrasto della povertà educativa) e d’impresa (servizi finalizzati all’inserimento o al reinserimento nel mercato del lavoro dei lavoratori e delle persone "svantaggiate o molto svantaggiate");
  • cooperative sociali di tipo B, che svolgono attività diverse (agricolo, industriale, commerciale o di servizio), finalizzate all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate;
  • cooperative sociali tipo misto (A+B) o “ad oggetto plurimo” che svolgono sia attività delle cooperative di tipo A, sia di tipo B;
  • consorzi di cooperative sociali, cioè società cooperative aventi la base sociale formata in misura non inferiore al settanta per cento da cooperative sociali.

Le cooperative sociali e i loro consorzi acquisiscono di diritto la qualifica di imprese sociali ai sensi dell’art.1 del D.Lgs. n. 112/2017.

I requisiti generali necessari per costituire una cooperativa sociale sono:

  • forma giuridica: società cooperativa;
  • disciplina giuridica: norme sulle S.p.A. (società per Azioni) o norme sulle SRL (Società a responsabilità Limitata);
  • numero minino associati: 3 persone fisiche (modello SRL);
  • scopo: mutualistico;
  • mutualità: prevalente di diritto, se vengono rispettate le norme di cui alla L. n. 381/1991;
  • denominazione: deve contenere l’indicazione di “cooperativa sociale”.
  • tipologie di soci:
    • lavoratori (cooperatori);
    • volontari,
    • finanziatori,
    • sovventori,
    • utenti;

Se vengono utilizzati soci volontari (nella misura massima del 50% dei soci), questi devono essere assicurati contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali ed è corrisposto loro soltanto il rimborso delle spese effettivamente sostenute e documentate.

Per costituire una cooperativa sociale è necessario:

  1. redigere un piano d’impresa (il cosiddetto ‘business plan’);
  2. creare una base sociale e una compagine lavorativa;
  3. redigere, nella forma di atto pubblico (quindi, alla presenza del notaio) un Atto costitutivo e uno Statuto;
  4. iscriversi presso:
    • il Registro delle Imprese
    • al REA - Repertorio Economico Amministrativo
    • all’Albo Società cooperative.

La stesura dell'atto costitutivo e lo Statuto sono soggette a spese notarili.

L’imposta di registro si applica in misura fissa agli atti costitutivi e alle modifiche statutarie delle cooperative sociali.

Tuttavia, le modifiche statutarie sono esenti, oltreché dall’imposta di bollo, anche dall’imposta di registro se hanno lo scopo di adeguare gli atti a modifiche o integrazioni normative.

Aiutaci a migliorare il sito. Valuta questa pagina