Assegno nucleo familiare

È un contributo economico annuale a sostegno dei nuclei familiari in cui sono presenti almeno tre figli minori di 18 anni.


Per il 2021 l'importo dell’Assegno mensile, nella misura intera, è di € 145,14 (per 13 mensilità), pari a un importo complessivo di € 1866,82.

La validità della richiesta è annuale, le famiglie che hanno ottenuto il contributo per l'anno precedente devono ripresentare la domanda e tutti i documenti necessari, ogni anno.

I passi da fare

1
Preparare documenti
2
Consegnare la domanda
3
Erogazione importo

Requisiti

  • Essere residenti nel Comune di Prato;
  • Avere un nucleo familiare composto da almeno tre figli minori di 18 anni;
  • Avere un valore ISEE inferiore o pari ad € 8.788,99;
  • Essere cittadini/e comunitari/e
  • Essere cittadini/e extracomunitari/e in possesso di titolo di soggiorno

Documenti richiesti

  • Modulo Domanda di assegno per il nucleo familiare;
  • Fotocopia di un documento di identità valido
  • Attestazione ISEE dell’anno in corso
  • documenti aggiuntivi per separati e cittadini stranieri: vedi documenti da allegare

Tempi e iter

  • Domande fino al 31.01.2022

I genitori, nello specifico ed a titolo riepilogativo, devono possedere le seguenti caratteristiche:

  • Essere residenti nel Comune di Prato;
  • Avere un nucleo familiare composto da almeno tre figli minori di 18 anni (devono essere figli della persona richiedente, del coniuge o ricevuti in affidamento pre-adottivo);
  • Avere un valore ISEE inferiore o pari ad € 8.788,99;
  • Essere cittadini/e comunitari/e
     

Ai cittadini/e extracomunitari/e è richiesto di essere in possesso di uno dei seguenti titoli di soggiorno:

  • Permesso di Soggiorno CE Unico per Lavoro o con Autorizzazione al Lavoro
  • Permesso di Soggiorno CE per lungosoggiornanti (ex Carta di Soggiorno)
  • Permesso di Soggiorno CE di Protezione Sussidiaria o titolare di Status di Rifugiato Politico
  • Per i cittadini/e dei paesi Tunisia, Marocco, Algeria e Turchia, in base agli Accordi Euro-Mediterranei stipulati con la Comunità Europea, è sufficiente produrre la fotocopia del permesso di soggiorno per motivi familiari oppure la fotocopia di un Permesso di soggiorno avente durata almeno biennale.

L'assegno viene riconosciuto anche ai cittadini stranieri titolari dello status di rifugiati politici e di protezione sussidiaria.

Attestazione ISEE dell’anno in corso

Fotocopia di un documento di identità valido

Modulo domanda di assegno per il nucleo familiare:

Domanda di assegno per il nucleo familiare

Il modulo è disponibile anche presso l’URP Multiente

In caso di separazione, aggiungere:

Copia della sentenza di separazione,

anche se non più conviventi con l'ex coniuge

Per cittadini/e comunitari ed extracomunitari/e, aggiungere:

Certificato di iscrizione anagrafica

Per i cittadini/e extracomunitari/e, aggiungere la copia di uno dei seguenti titoli di soggiorno:

Permesso di Soggiorno CE Unico per Lavoro o con Autorizzazione al Lavoro

Permesso di Soggiorno CE per lungosoggiornanti (ex Carta di Soggiorno)

Permesso di Soggiorno CE di Protezione Sussidiaria o titolare di Status di Rifugiato Politico

Per i cittadini/e dei paesi Tunisia, Marocco, Algeria e Turchia, in base agli Accordi Euro-Mediterranei stipulati con la Comunità Europea, aggiungere:

Fotocopia del Permesso di Soggiorno per Motivi Familiari

O la fotocopia di un Permesso di Soggiorno avente durata almeno biennale

Per la compilazione della dichiarazione sostitutiva unica e dell'attestazione ISEE occorre rivolgersi ad un Caaf convenzionato, prenotando telefonicamente. Il servizio è gratuito.

La domanda deve essere presentata al Comune di residenza entro il termine perentorio del 31 gennaio dell'anno successivo a quello per il quale viene richiesto l'assegno, pertanto per ottenere gli assegni relativi all'anno 2021, entro il 31.01.2022.

Durante il periodo emergenza Covid-19 non si prendono appuntamenti per cui la domanda, compilata e corredata degli allegati, deve essere consegnata direttamente all'Ufficio Protocollo.

La domanda, indirizzata al Sindaco, può essere presentata con le seguenti modalità:

Allo sportello

In emergenza Covid-19 consegna a mano al  Protocollo Generale

Via Roma 101 - Prato
Apertura al pubblico
Lunedì e giovedì ore 9.00 - 13.00 e ore 15.00 - 17.00 (solo su appuntamento causa Covid-19)
Servizio informazioni
Lunedì e giovedì ore 9.00 - 13.00 e ore 15.00 - 17.00
Martedì, mercoledì e venerdì ore 9.00 - 13.00
PEC

In questo caso, tuttavia, il mittente deve essere titolare di casella PEC altrimenti la trasmissione non potrà essere effettuata mediante tale modalità.

PEC: comune.prato@postacert.toscana.it

Come previsto dal Decreto 201/2011, l'INPS non può effettuare pagamenti in contanti per importi superiori ad € 1000 e quindi le uniche modalità sono il c/c bancario, c/c postale o libretto postale.

Il calcolo dell'assegno viene effettuato sui mesi effettivi in cui si verifica il requisito di almeno tre figli a carico. Nel caso in cui questo requisito esista per un periodo inferiore ad un anno, l'importo dell'assegno sarà riparametrato al numero di mesi durante i quali nel nucleo sono stati presenti tre figli minori.

Se nel corso dell'anno per il quale il richiedente domanda gli assegni intervengono variazioni della situazione familiare, dopo che egli ha presentato la domanda e la dichiarazione relativa, valgono le seguenti regole:

  • Non hanno alcun effetto le variazioni dei redditi e dei patrimoni posseduti avvenute, dopo la presentazione della domanda, nel corso dell'anno solare per il quale sono stati richiesti gli assegni. Non hanno effetti anche le variazioni dei componenti della famiglia diversi dal genitore richiedente e dai tre minori. Tali variazioni dovranno essere considerate solo in una eventuale successiva domanda;
  • Se invece varia la composizione del nucleo familiare che dà diritto all'assegno, ossia se nel nucleo viene meno la presenza di almeno uno dei tre minori, perché, ad esempio, il minore non fa più parte della famiglia anagrafica del richiedente o è diventato maggiorenne, la concessione degli assegni è limitata al numero di mesi durante i quali nel nucleo sono stati presenti i tre figli minori.

  • DPCM 452/2000

Responsabile del procedimento

Romano Federico

Telefono: 0574 1836411

Funzionario antiritardo

Sardi Valentina

Telefono: 0574 1836410
Aiutaci a migliorare il sito. Valuta questa pagina