19.05.2020 - È stato introdotto il Bonus casa e energia con aliquota di detrazione del 110, per efficientamento energetico, sisma bonus, fotovoltaico e colonnine di ricarica per veicoli elettrici, secondo il Decreto Rilancio (Decreto Legge n. 34 del 19 maggio 2020, convertito con la Legge 17 luglio 2020, n.77). Tutte le informazioni alla pagina: Bonus casa e energia.

Detrazioni fiscali risparmio energetico

Le agevolazioni fiscali per i lavori di riqualificazione energetica di edifici esistenti riscaldati prevedono la possibilità di detrarre, dalla tassazione IRPEF o IRES, in 10 rate annuali, il 50% e il 65% delle spese sostenute per la realizzazione di interventi che comportano un risparmio energetico e/o l’utilizzo di fonti rinnovabili di energia.

Maggiori informazioni sulle detrazioni fiscali si possono trovare sul sito di ENEA - Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile.

I passi da fare

1
Registrazione sul sito di ENEA
2
Accedere alla procedura online

Detrazioni

  • In base alla tipologia di intervento attuato
  • In 10 rate annuali su IRPEF o IRES

Quando

  • Per le spese sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2020

Requisiti

  • Necessario il pagamento tramite bonifico bancario o postale

Confermate fino al 31.12.2020 le condizioni di accesso alle agevolazioni fiscali per interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti riscaldati, in relazione alle spese sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2020.

Altro requisito per accedere alle detrazioni è il pagamento tramite bonifico bancario o postale.

Scende al 50% la detrazione per:

  • Interventi relativi alla sostituzione di finestre comprensive d’infissi.
  • Schermature solari.
  • Caldaie a biomassa.
  • Caldaie a condensazione, che continuano ad essere ammesse purché abbiano un’efficienza media stagionale almeno pari a quella necessaria per appartenere alla classe A di prodotto prevista dal regolamento (UE) n.811/2013.

Resta confermata al 65% la detrazione per:

  • Interventi di coibentazione dell’involucro edilizio.
  • Pompe di calore.
  • Sistemi di building automation.
  • Collettori solari per produzione di acqua calda.
  • Scaldacqua a pompa di calore.
  • Generatori costituiti da una pompa di calore integrata con caldaia a condensazione.
  • Generatori d’aria a condensazione.
  • Caldaie a condensazione che oltre ad essere in classe A sono dotate di sistemi di termoregolazione evoluti.

Introduzione di una nuova detrazione al  65%:

  • Installazione di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti.

Per i condomini

Le aliquote di detrazione salgono al 70% e al 75% per gli interventi relativi alle parti comuni degli edifici condominiali o che interessino tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio, sostenuti dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021 con il limite di spesa di € 40.000 moltiplicato per il numero di unità immobiliari che compongono l’edificio.

In zone sismiche

Qualora gli stessi interventi siano realizzati in edifici appartenenti alle zone sismiche 1, 2 o 3 e siano finalizzati anche alla riduzione del rischio sismico determinando il passaggio a una classe di rischio inferiore, è prevista una detrazione dell’80%. Con la riduzione di 2 o più classi di rischio sismico la detrazione prevista passa all’85%.

Il limite massimo di spesa consentito, in questo caso passa a € 136.000, moltiplicato per il numero di unità immobiliari che compongono l’edificio. 

Vedi la tabella che sintetizza gli interventi incentivabili e le aliquote dal sito Enea.

Online

Per ottenere le detrazioni fiscali occorre trasmettere le informazioni necessarie ad ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile), compilando la dichiarazione di detrazione attraverso la procedura online.
 

Accedi alla procedura online per la compilazione e l'invio della dichiarazione di detrazione

Aiutaci a migliorare il sito. Valuta questa pagina